Saluto dei fedeli di Monteprandone a padre Marco e don Robert

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Carlo Urbanelli

MONTEPRANDONE – Con la messa pomeridiana delle 17, domenica 14 settembre 2014 a Monteprandone, la comunità parrocchiale di san Niccolò, ha ufficialmente rivolto il proprio saluto a padre Marco Buccolini o.f.m. per il suo servizio da parroco e don Robert Anagboso da vice parroco.

I parrocchiani hanno partecipato numerosi alla celebrazione, animata dalla corale san Niccolò, per esprimere i sentimenti di gratitudine e di amicizia ai due sacerdoti. Padre Marco, che già ricopriva la carica di padre guardiano presso il Convento di Santa Maria delle Grazie, ha accettato l’incarico di sacerdote nella parrocchia San Niccolò ad aprile del 2013.

Dopo aver guidato i fedeli con amore fraterno, sempre all’insegna di una grande umiltà, lontano dalla ribalta, lascerà Monteprandone per essere trasferito a San Marino. Don Robert, di origini nigeriane, si è commosso per l’affetto mostrato dalla comunità, diventata un po’ la sua seconda famiglia. Nella sua ultima omelia, tenuta prima di ritornare in patria, ha invitato i parrocchiani a guardare al bene di tutti vivendo una Chiesa sinodale. Finita la Messa, tutta la comunità civile e religiosa, rispettivamente rappresentata dal sindaco Stracci, dal vice sindaco Loggi , dai membri della Confraternita del S.S. Sacramento, dalla Confraternita della Pietà e della Morte, dai membri del Consiglio pastorale, dai catechisti, dai Ministri dell’Eucarestia e della Liturgia, dalla Corale e da tutti i volontari della Parrocchia, ha organizzato una piccola festa ai due sacerdoti con rinfresco, nella sala polivalente san Leonardo.

In un’ atmosfera di gioia e di festa, particolarmente commuovente è stata la proiezione sul maxi-schermo delle foto relative all’opera pastorale portata avanti in questi ultimi due anni da due religiosi, specialmente a favore dei giovani. I fedeli hanno omaggiato i sacerdoti con una teca ciascuno, augurando un buon cammino nella loro nuova strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *