Corso “Addetto produzione pasti”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ASCOLI PICENO – Tutto pronto per la seconda annualità del corso di “Operatore della ristorazione: addetto produzione pasti” promosso dal Centro Locale per la Formazione di via Cagliari che vedrà 18 allievi tornare sui banchi di scuola da lunedì prossimo. L’attività formativa si concluderà a metà giugno con il rilascio di una qualifica riconosciuta in ambito comunitario a seguito degli esami finali. Si tratta del secondo step del progetto nell’ambito dell’Obbligo formativo avente come obiettivo di venire incontro a giovani del territorio che si trovano nella difficile situazione di drop-out, ossia di non studio né lavoro.

Nel corso dell’anno scolastico, gli studenti saranno impegnati nell’approfondimento di materie tradizionali, oltre che di discipline professionalizzanti come tecniche di pasticceria, di bar e di sala, cucina tipica locale e regionale, piatti della cucina nazionale e internazionale. Gli allievi avranno a disposizione un tutor di laboratorio e un tutor d’aula e potranno anche avvalersi durante il periodo di traning, di una psicologa specializzata in mentoring.

Previsti anche momenti formativi all’esterno come la visita d’istruzione alla fiera nazionale del settore eno-gastronomico (SIGEP) di Rimini e un periodo di traning on the job in ristoranti e strutture ricettive. Per affinare, inoltre, le tecniche dietro ai fornelli, gli allievi potranno utilizzare il funzionale laboratorio di cucina recentemente realizzato dall’Amministrazione Provinciale.

“Per gli allievi che lo desiderassero, la qualifica ottenuta consentirà l’iscrizione al IV anno dell’Istituto alberghiero o di Istituti di ambito turistico-ricettivo, avendo a disposizione l’opportunità di conseguire il diploma di maturità e, magari, iscriversi all’Università” spiega la direttrice del Clf dott.ssa Fiorenza Pizi che, insieme al coordinatore didattico dr. Danilo Barullo, seguirà le varie fasi dell’importante iniziativa promossa dalla Provincia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *