“Se un prete ha sbagliato ed è pedofilo, tutti i preti sono pedofili; se un giornalista ha sbagliato ed è pedofilo, ha sbagliato solo lui”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Vescovo Galatino“Se un prete ha sbagliato ed è pedofilo, tutti i preti sono pedofili; se un giornalista ha sbagliato ed è pedofilo, ha sbagliato solo lui”.
Con questa frase monsignor Nunzio Galantino, vescovo di Cassano all’Jonio e segretario generale della Cei, presentando questa sera a Roma il volume “Preti dalla fine del mondo”, ha stigmatizzato quello che ha definito “un brutto meccanismo dei media”, in base al quale “per uno o due preti che tradiscono il Vangelo, se stessi e gli altri, vengono chiamati tutti gli altri in causa”. Anche i preti di strada, ha poi precisato il vescovo, “sono preti che pregano altrimenti non potrebbero fare quelle cose”. Per questo è necessario “superare un triste luogo comune che non ci porta da nessuna parte” e che vede la contrapposizione tra i “preti di strada” e “i preti che celebrano i sacramenti, che fanno la processione con la gente e ai quali viene chiesta la benedizione”.

One thought on ““Se un prete ha sbagliato ed è pedofilo, tutti i preti sono pedofili; se un giornalista ha sbagliato ed è pedofilo, ha sbagliato solo lui”

  • 12 settembre 2014 at 15:22
    Permalink

    Il sacerdozio non è una professione ma una missione e come tale dovrebbe investire l’intera esistenza di chi l’esercita, soprattutto quando si parla in nome di Dio. Sul piano della morale e dell’etica il sacerdote è sicuramente più colpevole del giornalista agli occhi de fedele poiché non può separare la sua vita pubblica da quella privata. Inoltre, il peccato di un sacerdote mette in crisi le coscienze dei suoi seguaci o di coloro che i lui vedono l’intermediario con il Cristo. Detto questo, convinta che comunque un sacerdote è prima di tutto un uomo, quindi portato al peccato come ogni uomo, l’affermazione “prete pedofilo.. tutti i preti sono pedofili” non riguarda la comunità di fedeli che sanno ben distinguere “il caso” specifico. Ma non è il fenomeno “pedofilia” in sé che dovrebbe preoccupare la Chiesa quanto le ragioni che sottendono a certi comportamenti devianti. La colpa dei vertici della Chiesa è di aver nascosto pur sapendo ed è questo che non viene digerito dalla Comunità dei credenti. Per il resto si sa l’uomo è imperfetto e Dio, grande padre e giusto, perdona il figlio peccatore che si pente, sempre. Di questo sono sicura.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *