Scoraggiare i musulmani delle Filippine a schierarsi col Califfato

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
jihadistsDi Umberto Sirio
La religione non è strumento di morte. L’arcivescovo Socrates Villegas, presidente della Conferenza episcopale delle Filippine, ha assicurato il contributo della Chiesa locale in patria e all’estero, per contrastare l’Isis, lo Stato islamico dell’Iraq e del Levante, che sta compiendo il genocidio delle popolazioni cristiane e yazide e di altre minoranze del Nord dell’Iraq. Come ha riferito l’Agenzia Fides, l’arcivescovo ha ricordato “abusi, decapitazioni e violenze di ogni genere, che mostrano il completo traviamento della religione. Massacrare, uccidere, distruggere in nome di Dio è un messaggio terribile inviato al mondo. Si dice in tal modo che la religione è strumento di morte e che la fede può generare tanta malvagità”.
Militanti estremisti filippini arruolati dallo Stato Islamico? L’intento della Chiesa filippina è quello di aiutare i cristiani e le altre popolazioni, grazie a campagne di donazioni e solidarietà. E di scoraggiare la popolazione filippina di religione islamica dal condividere le idee e le azioni dello Stato Islamico e di unirsi alla violenza che viene esercitata. Mentre il Milf (Moro Islamic Liberation Front) – che nel marzo di quest’anno ha siglato un accordo con il Governo, ha preso le distanze, altri gruppi estremisti – come “Abu Sayaf” – hanno espresso sostegno allo Stato Islamico e secondo alcuni rapporti, guerriglieri filippini sarebbero giunti in Iraq e Siria per combattere a fianco dei terroristi, tanto che le autorità stanno valutando l’ipotesi di creare una banca dati per monitorare i movimenti di cittadini filippini verso il Medio Oriente.
La minaccia globale del terrorismo islamista. Il Sud-Est asiatico – Thailandia meridionale, Filippine del Sud, Malaysia e Indonesia – è da sempre teatro della violenza islamista. In particolare, le ribellioni della minoranza islamica delle Filippine – attualmente, nel Paese, i musulmani sono oltre 6 milioni – sono iniziate durante la colonizzazione spagnola del XVII secolo e si sono sviluppate durante il protettorato americano stabilito a partire dal 1898 e dopo la proclamazione del primo governo indipendente filippino nel 1946. Negli anni Settanta, le rivolte si diffusero con intensità – avrebbero causato, nel corso degli anni, oltre 120mila morti nella sola regione meridionale – e proprio in quegli anni nacque il gruppo estremista più importante: il Fronte moro di liberazione nazionale (Mnlf), dal quale in seguito sorse il Milf, che da sempre ha rivendicato l’indipendenza delle regioni musulmane, perseguendo la creazione di uno Stato Islamico. Violento e sanguinario è un altro gruppo minoritario, Abu Sayaf, che insieme all’ala militarista del Milf, è accusato di aver messo a disposizione, sin dal 2001, campi di addestramento e basi logistiche per pianificare attentati esplosivi non solo nelle Filippine, ma in tutto il Sud-est asiatico. L’accordo tra il Governo filippino e il Milf – che garantisce una maggiore autonomia politica alle aree con una rilevante concentrazione di musulmani nell’isola di Mindanao, in cambio della fine della ribellione armata – non pone fine alla minaccia degli altri gruppi islamisti, che possono trovare ora proprio nello Stato Islamico sorto nel nord dell’Iraq, un punto di riferimento certo per la loro azione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *