Giulia ci testimonia la bellezza del servizio in Parrocchia anche d’estate

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Giulia

DIOCESI – Giulia ci spiega il perchè molti giovani si impegnano in Parrocchia anche d’estate.

Giulia: “Non si perde nulla, anzi è grande la ricchezza di vita in questo servizio” perché “c’è sempre più gioia nel dare che nel ricevere”: così Papa Francesco ha ringraziato i volontari della XXVIII Gmg che variamente sono stati impegnati nell’organizzazione dell’incontro.

Penso che questo possa riassumere efficacemente il sentimento e lo spirito di chi ha ricevuto in passato tanto e senta la necessità di donare la propria esperienza.
Le mie prime esperienze formative, fuori dalla famiglia, sono state all’oratorio o ai campi scuola.

Ero piccola: lì c’era gioco, divertimento, ma quelle esperienze sono state principalmente opportunità di confronto con altri, sia adulti che coetanei, sono stati momenti di crescita che hanno contribuito a fare di me la persona che sono oggi che conosce il valore dell’ascolto.
Tutto questo mi è stato utile anche quando mi sono dovuta confrontare in ambienti molto diversi dal mio, ambienti nei quali ero sola con la mia valigia di principi, valori e insegnamenti ricevuti anche dalle esperienze vissute in tanti campiscuola, incontri, oratori e momenti di vita insieme.
Ho sperimentato come quel microcosmo che è il gruppo parrocchiale in realtà contiene già in se’ quel bagaglio di valori, esperienze, abilità dalle quali non si può prescindere in nessun momento della vita.
E’questo che ha rafforzato in me la necessità di rendere quello che altri hanno mi hanno trasmesso; poter replicare con altri bambini quanto in anni di esperienze ho ricevuto.
Mi da una gioia immensa la possibilità di poter contribuire validamente alla crescita di futuri adulti: non so se ci riesco bene,so solo che ce la metto tutta. La gratitudine di un bambino che ti dedica un disegno, coglie un fiore per te o ti corre incontro per abbracciarti, ripaga di gran lunga il “sacrificio” di rinunciare a parte delle vacanze.
Mi auguro di continuare in questo percorso e invito i miei coetanei a sperimentare il bello di donare parte del proprio tempo per donarsi al servizio verso gli altri, non importa quale sia il campo d’impegno, l’importante è donarsi agli altri con amore e generosità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *