“Mareaperto”, grande soddisfazione per il festival

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Per Mareaperto è il momento del bilancio, a pochi giorni dalla chiusura di un’edizione che ha visto il festival tornare alla dimensione originaria: centrata, per quanto riguarda i contenuti, sull’osservazione delle molteplici espressioni delle culture del mare a partire dall’identità marinara sambenedettese. E, in quanto contenitore, diffuso nella città (centro storico, Teatro Concordia, Palazzina Azzurra, Museo del Mare, Molo Sud), multidisciplinare e serrato nel susseguirsi degli appuntamenti (23 proposte in 5 giorni fra musica, teatro, incontri con autori e personalità della cultura, presentazioni di libri e iniziative per i più piccoli) coinvolgente nella funzione di aggregatore culturale e sociale.

Per l’assessore alla cultura di San Benedetto Margherita Sorge, quella di quest’anno «è stata un’edizione davvero entusiasmante». E, se il direttore dell’AMAT Gilberto Santini mette l’accento sull’aver saputo «unire e interpretare in un unico progetto, idee, competenze e metodo senza essere condizionati per le risorse», entrambi concordano nel ritenere il festival la giusta sintesi fra intrattenimento e approfondimento, fra spettacoli e iniziative culturali diverse. «È una strada da percorrere – dice la Sorge – guardando anche il pubblico intervenuto agli appuntamenti. Certo, il pienone prevedibile in piazza Matteotti per sentire Cacciari ce lo aspettavamo. Ma non erano per niente scontati i trecento e passa che eravamo al concerto di chiusura al Molo Sud, con il bravissimo quartetto dei Solisti Piceni in notturna, o i tanti alla Palazzina Azzurra per le presentazioni di libri o al Museo della Civiltà Marinara per le conferenze pomeridiane. Lo leggiamo come un segnale, come la conferma che questa è una giusta rotta».

Nato otto anni fa da un’idea condivisa dell’assessorato alla cultura del Comune e dell’AMAT, Mareaperto quest’anno ha visto collaborare soggetti e associazioni cittadine in ambito culturale – come Il Circolo dei Sambenedettesi, I luoghi della scrittura, la Cooperativa Oikos o I Solisti Piceni – insieme a promotori culturali non solo locali come Gino Troli, Benedetta Trevisani, Mimmo Minuto, Daniela Tremaroli presentandosi inoltre come festival “senza barriere” che ha permesso ai non udenti, grazie alla collaborazione fra assessorato alle politiche sociali e la sezione di Ascoli Piceno dell’ENS Ente nazionale sordi, di partecipare ad alcuni appuntamenti del cartellone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *