VIDEO: Diamo voce ai piccoli imprenditori, a tu per tu con Enrico Ciarrocchi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

20140722173652(1)

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Le nostre telecamere sono andate in Via Marsala a San Benedetto, sede del Panificio Ciarrocchi. A gestire l’attività è Enrico Ciarrocchi, giovane che coordina un’attività lavorativa dura e frenetica che inizia quando il sole ancora non sorge. Ecco le sue parole.

Com’è nata questa attività 33 anni or sono?
“La nostra attività nasce nel 1981 a Grottammare. I miei hanno rilevato un panificio già esistente da diversi anni e da lì abbiamo iniziato noi con la gestione e abbiamo fatto tutta l’escalation fino ad oggi, con il rinnovamento di quella che è la panificazione fino ai nostri giorni insomma”.

Qual è la routine lavorativa della vostra struttura?
La panificazione negli ultimi 30-40 anni ha avuto diverse ristrutturazione negli orari di lavoro, nell’automatizzazione del lavoro. Ci svegliamo sempre presto la notte, comunque ognuno sceglie quando iniziare, però indicatamente dalla mezzanotte in poi s’inizia il lavoro e si sviluppa durante la notte tutta quella che è la panificazione per poi concludere con quella che è la pasticceria da forno”

Scorgendo tra le vetrine, non vi è tra i prodotti soltanto il pane.
“Quando abbiamo iniziato 33 anni fa, il panificio era soltanto panificio, quindi si faceva solo pane e si accennavano alcune tipologie di dolci. Negli ultimi anni questo sta cambiando. Si viene al panificio per prendere altri generi alimentari, soprattutto negli ultimi tempi stanno prendendo piega questo ritrovare farine grezze, prodotti in olio extravergine rispetto al burro, ai latticini. Stanno scomparendo definitivamente, meglio così, tutte quelle margarine idrogenate che causavano dei problemi a livello vascolare. Stiamo a passo con i tempi”.

Il locale è caratterizzato da una Vespa gialla, puoi spiegare questa curiosità?
Noi stagionalmente facciamo le vetrine, con l’inserimento dei nostri prodotti e di alcuni oggetti che possono aiutarci a stare nella stagionalità. Adesso abbiamo scelto la Vespa e l’abbiamo allestita con un cestino picnic, con tutti i fiori estivi. Il tutto con il fine di abbellire il nostro punto vendita”. 

Scout ed Enrico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *