Lu Bucculotte cu lu Crastate, la regina delle sagre anti crisi è tornata!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Sagra Lu Bucculotte

pranzo Madonna della Speranza gruppo camerieri

Di Alessandra Mastri

GROTTAMMARE – Da oggi torna la regina delle Sagre, la tradizionale Sagra de Lu Bucculotte cu lu Crastate, ormai giunta alla sua 8^ edizione; organizzata dal comitato Madonna della Speranza è ormai uno degli eventi di spicco del calendario estivo del Comune di Grottammare. All’interno della sagra anche il torneo 24 ore di calcetto.

Alcuni cenni storici sul piatto principale della sagra: lu bucculotte cu lu crastate è il piatto tipico del quartiere S. Martino, quartiere storico della parrocchia organizzatrice.
La ricetta arrivò dall’Abruzzo grazie ad una signora di Atri circa 60 anni fa, e da allora, è la specialità di un famoso ristorante della zona.

La preparazione del sugo con il castrato comporta circa 11-12 ore di cottura con abbondanti e costosi ingredienti. Ciò  nonostante il prezzo è contenuto (5,50 €) a differenza di numerosi primi di semplice fattura che possiamo trovare in tante altre sagre di paesi vicini. La provenienza delle carni è dichiarata dal parroco, che conosce ciascuno dei produttori. Il castrato proviene dalla zona aquilana, gli arrosticini dalle colline del pescarese mentre invece, salsicce, porchetta e prosciutti provengono dall’alto teramano.

Novità di quest’anno sono le Card abbinate alle 3 associazioni principali presenti in parrocchia: Scout, Azione Cattolica e CSI.
Quest’idea, spiega il parroco, proviene dall’esigenza di far fronte a numerose spese per il fabbisogno di ciascuna associazione; alcuni esempi: il Gruppo Scout nelle prossime settimane dovrà far fronte all’esborso di 936€ per la polizza assicurativa del pulmino, più l’acquisto di nuove tende ed attrezzatura varia.
Il CSI dovrà acquistare, come da norma, il Defibrillatore da tenere in campo, cui spesa varia dagli 800 ad oltre i 1000 euro, mentre l’AC dovrà munirsi di nuovo materiale per la normale vita associativa.
Anziché chiedere contributi ed offerte “a fondo perduto” alle famiglie, si propone un’alternativa diversa: iscritti e simpatizzanti di ciascuna associazione potranno richiedere al rispettivo responsabile la card; presentandola alla cassa, al momento del pagamento, la spesa effettuata per la consumazione, verrà caricata nel conto dell’ associazione abbinata.
Al termine della festa, dall’incasso totale si potranno distinguere i contributi raccolti da ciascuna associazione, di cui una percentuale sarà loro direttamente devoluta.
Con ogni consumazione alla sagra si può contribuire allo sviluppo delle attività associative della parrocchia.

Un’altra novità è rappresentata dalla presenza di Omaggi per ordinazioni che, a scaglioni, variano dai 50, 70, 80 e 100 euro.

Anche quest’anno l’intrattenimento per le quattro serate sarà il più vario e di alta qualità con gruppi musicali, karaoke, balli di gruppo ed esibizioni dimostrative; mentre per i più piccoli, l’appuntamento è domenica 27 alle ore 18 con l’animazione di Crostatina e Merendina.

In caso di maltempo, per il pranzo della domenica, sarà possibile usufruire delle aule e del salone parrocchiale.

Siete tutti invitati! E … speriamo che il meteo ce la mandi buona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *