Incontri con l’autore, Giuseppe Catozzella presenta il suo libro

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ManifestoCAPRARICA

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Nuovo appuntamento con la rassegna letteraria “Incontri con l’Autore” promossa dall’Amministrazione Comunale e organizzata dalla libreria “La Bibliofila” e dall’associazione culturale “I Luoghi della Scrittura”.

Giovedì 17 luglio, alle 21,30, in Palazzina Azzurra Giuseppe Catozzella, vincitore del Premio Strega Giovani 2014 e finalista dello stesso Premio, presenterà il suo libro “Non dirmi che hai paura”. Converserà con l’autore Sabrina Cava.

L’autore

Giuseppe Catozzella è nato nel 1976 a Milano dove si è laureato in filosofia all’Università degli Studi di Milano con Carlo Sini e Stefano Zecchi, con una tesi sul significato della Logica per Nietzsche. Dopo la laurea si è trasferito per un lungo periodo in Australia, a Sydney, e poi è tornato a vivere a Milano.

Scrive o ha scritto articoli, reportage e inchieste su “L’Espresso”, “Sette” de Il Corriere della sera, “Granta”, “Lo Straniero”, milanomafia.com, e ha collaborato con la trasmissione televisiva “Le Iene”. Tiene un blog sul sito del “Fatto Quotidiano”. Ha tenuto conferenze alla Columbia University di New York e alla F.I.U. University di Miami, e lezioni alla U.M. University di Miami e in altri atenei e scuole italiani, oltre che alla Scuola Holden di Alessandro Baricco.

Ha pubblicato i racconti Il ciclo di vita del pesce (Rizzoli, “Granta”, 2011), Fuego (Feltrinelli Zoom, 2012) e i romanzi Espianti (Transeuropa, 2008), Alveare (Rizzoli, 2011; Feltrinelli, 2014), Non dirmi che hai paura (Feltrinelli, 2014).

Dal suo romanzo-inchiesta Alveare la casa di produzione cinematografica Wildside ha acquistato i diritti cinematografici e sono stati tratti quattro differenti spettacoli teatrali (Lineamenti della Compagnia Teatro delle Condizioni avverse di Roma, e il trittico del “Progetto Alveare” della Compagnia BabyGang di Milano: Quinta mafia, Zia Severina è in piedi, La bestia dentro), oltre al film tv prodotto da Rai Fiction “L’assalto”. A ottobre 2013 ha rappresentato l’Italia a New York per l’Anno italiano della cultura negli Stati Uniti. Non dirmi che hai paura è un caso internazionale, in corso di pubblicazione dai più grandi editori in tutto il mondo, ed è stato acquistato dalla Leone Film Group Spa per essere trasformato in un film.

IL LIBRO

Non dirmi che hai paura (Feltrinelli, 2014) Samia è una ragazzina di Mogadiscio. Ha la corsa nel sangue. Ogni giorno divide i suoi sogni con Alì, che è amico del cuore, confidente e primo, appassionato allenatore. Mentre intorno la Somalia è sempre più preda dell’irrigidimento politico e religioso, mentre le armi parlano sempre più forte la lingua della sopraffazione, Samia guarda lontano, e avverte nelle sue gambe magre e velocissime un destino di riscatto per il paese martoriato e per le donne somale. Gli allenamenti notturni nello stadio deserto, per nascondersi dagli occhi accusatori degli integralisti, e le prime affermazioni la portano, a soli diciassette anni, a qualificarsi alle Olimpiadi di Pechino. Arriva ultima, ma diventa un simbolo per le donne musulmane in tutto il mondo. Il suo vero sogno, però, è vincere. L’appuntamento è con le Olimpiadi di Londra del 2012. Ma tutto diventa difficile. Gli integralisti prendono ancora più potere, Samia corre chiusa dentro un burqa ed è costretta a fronteggiare una perdita lacerante, mentre il “fratello di tutta una vita” le cambia l’esistenza per sempre. Rimanere lì, all’improvviso, non ha più senso. Una notte parte, a piedi. Rincorrendo la libertà e il sogno di vincere le Olimpiadi. Sola, intraprende il Viaggio di ottomila chilometri, l’odissea dei migranti dall’Etiopia al Sudan e, attraverso il Sahara, alla Libia, per arrivare via mare in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *