VIDEO: Grottammare, pizzeria Concetti, un simbolo che dura da oltre 60 anni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Intervista Pasquale Concetti

GROTTAMMARE – In questo locale il colore lascia lo spazio al bianco e nero in una storia che dura sessant’anni. E’ la storia della Pizzeria Concetti, uno del locali storici delle Marche e della nostra Diocesi, punto di riferimento per il grottammarese di ogni generazione.

Tra pizze, polli arrosto e tante prelibatezze immutate nel sapore e nella tradizione, ritorniamo al colore e andiamo da Pasquale Concetti, espressione e simbolo di questo locale, landmark e risorsa turistica cittadina.

Caro Pasquale, la Pizzeria è nata nel 1954, ma l’origine è ancor più antica, cosa è accaduto in tempo di guerra?
Accade che i tedeschi passavano in Ancona e io mi trovavo in questo locale, che era di mio padre. Ho seguitato l’attività precedente, prima osteria, poi pizzeria”.

A Grottammare la tua Pizzeria viene chiamata “Tre Culi” o “Palina”, perché queste denominazioni?
“Nel 1933 c’erano due donne grosse e per via dell’aspetto fisico hanno avuto il soprannome di “Tre Culi”. “Palina” è nato quando io e la mia famiglia abbiamo preso il locale”.

Ci sono tante persone che hanno fatto la storia del locale, un pensiero per Sandrì (Alessandro Concetti, cugino e socio di Pasquale morto nel 2007, ndr)?

Certamente. Abbiamo vissuto sempre insieme, fino a 78 anni quando Sandro ci ha lasciato perché è morto e tutta la pizzeria è passata a me”

Perché le vostre pizze hanno questa forma rotonda che la caratterizzano in tutto il Piceno?
Prima non le sapevamo fare le pizze e allora nel dopoguerra abbiamo chiamato un signore di San Benedetto, che ci ha imparato a fare le pizze, a mettere il lievito, a mettere l’olio, in pratica tutto il necessario”.

Ascoltare le parole di Pasquale è sempre emozionante e oggi, sessant’anni dopo è il figlio Mario a continuare la tradizione, aiutato da tutti i famigliari.

In realtà a Grottammare i Concetti non sono abbinati soltanto alla Pizzeria. Padre Gino  è stato un punto di riferimento della stampa cattolica prima del cyberspazio e Andrea, figlio di Alessandro, gira i teatri e i magnifici luoghi del Pianeta con la sua potente voce da baritono. Testimonianze di un cognome capace d’incantare il tondo mondo partendo dalle sue tonde pizze in quel di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *