Adorazione Eucaristica Perpetua a Grottammare, trova un momento per viverla anche tu!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

IMG_3651 (960x640) IMG_3655 (960x640)

GROTTAMMARE – Prosegue l’Adorazione Eucaristica Perpetua presso la Chiesa di Sant’Agostino della parrocchia di San Giovanni Battista di Grottammare.
L’adorazione è accessibile dalle ore 7.00 alle ore 24.00 liberamente dalla porta principale della Chiesa e dalle 24.00 alle 7.00 attraverso la porta del Chiostro dopo l’inserimento della Password riservata agli adoratori iscritti o a quanti ne facciano richiesta.

Don Giorgio: “Dobbiamo saper vivere il nostro momento davanti a Gesù Eucarestia.
Qualcuno invece di adorare ha visto le ragnatele nella cappellina… è come se due ragazzi vedono una bella ragazza affascinante per strada, e uno dice all’altro “guarda c’è lo sporco per terra”.
Comunque le ragnatele le abbiamo tolte!
Nella cappellina c’è anche il Santissimo Crocifisso e non possiamo adorare l’Eucarestia senza adorare la croce.

Il crocifisso ci ricorda che non troveremo la pace se anche noi non accetteremo la nostra croce.
Dovete sapere che il contrario della pace cristiana non è la guerra ma è la paura.
Quando siamo davanti al Santissimo nel più profondo di noi stessi sgorga un pianto, perché viviamo quel disagio che abbiamo dentro.
Umanamente, a noi il pianto di un neonato che piange a lungo da fastidio ma la madre del bambino correrà subito per vedere cosa succede e anche Dio fa così con noi.
Dobbiamo cercare di vivere al meglio questo momento di grazia, dobbiamo imparare a custodirlo perché mentre il mondo dorme, Lui è li con noi e ci parla.

Alcuni consigli per chi verrà ad adorare:
– Il primo gesto quando entriamo in cappellina deve essere la genuflessione in segno di rispetto a Dio presente in mezzo a noi
– Poi ci mettiamo seduti e piano piano come l’acqua increspata, dobbiamo far si che i pensieri si posino
– Dobbiamo rimanere un tempo congruo per poterLo ascoltare
– Dobbiamo adorarLo con il cuore e non con le labbra, non dobbiamo essere protagonisti noi con i nostri pensieri ma metterci in ascolto di Gesù.
– Pregate se volete con i libretti che sono a supporto dentro la salette, io personalmente prego il Santo Rosario
– Contegno per aiutare il cuore, custodiamo il silenzio.

Don Giorgio ha concluso: “Se il Papa ci venisse a trovare a sorpresa saremmo tutti emozionati e ci prepareremmo al meglio per accoglierlo. Noi qui abbiamo Gesù, il nostro Signore!” Rendiamoci conto della grazia che abbiamo.

“Vi invito infine ad un gesto missionario. Invitate i vostri amici a trascorrere un po’ di tempo davanti a Gesù Eucarestia, servirà sia a loro che a voi come momento di evangelizzazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *