Straordinario risultato per la colletta straordinaria

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Michela Galieni

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Sono 80.000 i kg di alimenti raccolti nelle Marche Sud durante la Colletta Alimentare che si è svolta sabato 14 giugno 2014. Un’edizione straordinaria della popolare “Giornata Nazionale della Colletta Alimentare” che si è resa necessaria per far fronte all’emergenza alimentare che affligge il nostro Paese: sono oltre 4 milioni le persone in Italia vivono grazie a pacchi alimentari o pasti gratuiti presso le mense, di questi oltre 400 mila sono bambini che hanno meno di 5 anni.

Centinaia di volontari si sono impegnati, con la loro presenza continua durante tutto l’orario di apertura del supermercati aderenti, per la buona riuscita dell’evento, che si è concluso con la raccolta di di alimenti, tra cui pasta, riso, pelati, legumi, latte, omogeneizzati, zucchero, alimenti per l’infanzia, tonno e olio.

Anche la provincia di Ascoli Piceno ha aderito alla raccolta straordinaria di alimenti promossa dalla Fondazione Banco Alimentare.

Sono 25.000 i kg (25 tonnellate) gli alimenti raccolti nella provincia di Ascoli Piceno che con i 15.000 kg della provincia di Fermo ed i 40.000 kg della provincia di Macerata saranno stoccati e distribuiti dal Magazzino del Banco Alimentare di San Benedetto alle realtà locali ed alle mense del territorio.

Moltissime le associazioni, le caritas parrocchiali ed i gruppi di volontari che hanno supportato l’iniziativa. Una silenziosa ma entusiasta mobilitazione che ha coinvolto moltissimi giovani e gruppi di ragazzi che hanno indossato la pettorina gialla, imprenditori che hanno messo a disposizione gratuitamente camion ed automezzi per il trasporto degli alimenti donati.

“Il fatto sorprendente – testimoniano i volontari – è la solidarietà e la partecipazione che i donatori hanno dimostrato durante questa colletta straordinaria. Nonostante la crisi, questa chiamata straordinaria ha avuto una generosa risposta verso chi ha ancora meno.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *