Questa sera tutti invitati alla solennità del Corpus Domini in cattedrale insieme al Vescovo Carlo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

IMG_0341

DIOCESI – Giovedì 19 giugno alle ore 21.00 la diocesi celebrerà la festa del Corpus Domini.
Il Vescovo Carlo Bresciani presiederà la celebrazione Eucaristica presso la Chiesa Madonna della Marina alle ore 21.00 e guiderà la processione Eucaristica che passerà per via Pizzi, Via San Martino, Via Roma, Via Veneto, Via Pizzi, Piazza Nardone.

Al termine della processione seguirà la benedizione Eucaristica in Piazza Nardone.

Scopriamo l’importanza del Corpus Domini dall’articolo di Luca Marcolivio da Zenit e dalle dichiarazioni del Cardinale Vallini.
La solennità del Corpus Domini risale al 1264, per volontà di Papa Urbano IV che istituì la festa «affinché il popolo cristiano riscoprisse il valore del mistero eucaristico». A distanza di più di 700 anni la tradizione continua ininterrotta.

“Un momento importante per la fede dei cristiani e per la vita ecclesiale della Diocesi” ha dichiarato il cardinale Vicario, Agostino Vallini “La Santa Messa e la processione nella solennità del Corpo e del Sangue del Signore sono un unico evento, che manifesta la Chiesa come Chiesa. É la festa della comunità radunata. I credenti si ritrovano insieme per celebrare il sacrificio di Cristo e nella celebrazione rendono grazie a Dio per tutto quello che hanno ricevuto. La migliore immagine di Chiesa è quella che si raduna intorno al suo Vescovo per celebrare i santi misteri, mangiare e bere del Corpo e del Sangue del Signore, rendere grazie e così testimoniare la comunione e l’amore che Gesù ci ha insegnato.

La processione è cammino di sequela. Ancora una volta la Chiesa si identifica con il popolo in cammino, che segue il suo maestro. Si ripete l’esperienza dei discepoli di Emmaus, che percorrono un tratto di strada con Gesù e lo ascoltano mentre li istruisce. Nella processione eucaristica la comunità cammina con Gesù, ma non lo riconosce più mentre spezza il pane. Noi riconosciamo il Maestro presente in quel pane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *