Successo della gara in bicicletta a Cupra: la “Cicloturistica dea Cupra”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA – Anche per quest’anno si è tenuta la Cicloturistica Dea Cupra, organizzata dall’associazione Fuori di Sella nell’ambito dei Sentieri Piceni, nella giornata di domenica 2 giugno.

Come di consueto tantissimi sono stati i partecipanti, circa 380 ciclisti facenti parte di 34 società provenienti da diverse zone d’Italia, in particolare da Marche e Umbria. Rispetto alle scorse edizioni il percorso è stato abbastanza modificato diventando un doppio percorso di 18 chilometri e di 26 chilometri con quasi 700 mt di dislivello.

I vari gruppi si sono ritrovati al mattino presto dal lungomare Romita, in prossimità della Palestra Polivalente, hanno raggiunto il vecchio incassato di Marano per poi immergersi nella natura circostante attraverso sentieri che hanno permesso di apprezzare sia le colline cuprensi che il mare grazie a suggestivi scorci di panorama. Inoltre i più avventurosi hanno potuto testare direttamente tre nuovi fossi appena aperti. Insomma un percorso che ha accontentato un po tutti: i piu allenati si sono messi in gioco con i punti piu tecnici, i meno allenati ne hanno approfittato per ammirare la natura circostante. Immancabile il momento tra gastronomia locale e divertimento con un pasta party a fine manifestazione con pasta alle vongole e pesce fritto. Ecco la classifica scaturita dalla Cicloturistica Dea Cupra: al primo posto si sono piazzati gli Ascoli bike team con 37 partecipanti, al secondo posto gli Skatenati con 25 partecipanti, al terzo posto i Tritakatene con 24 partecipanti, di seguito gli Studio Moda con 23 partecipanti, i Pedale lento stella a parimerito con i Mg Bike con 22 partecipanti. Ora il prossimo appuntamento è per il 22 giugno con la Cicloturistica Città di Ascoli organizzato da Bike Team.

Valeria Fabioneri

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *