Papa Francesco … il nostro capitano!!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Nuova immagine (1)

 

Di Antonio Benigni

DIOCESI – “… mi avete eletto vostro capitano e vi ringrazio molto, e io vi invito a giocare e vincere non da solisti, perché chi gioca da solo non sa giocare, ma vi invito a giocare come squadra, e poi vi invito a giocare non in difesa ma in attacco, insieme a me …. A giocare la vostra partita che è quella del vangelo.”

Parole che hanno risuonato dentro di noi come quelle di un vero capitano dette prima della partita più importante. Papa Francesco non sbaglia un tiro, non sbaglia un assit, ma soprattutto coinvolge, abbraccia virtualmente tutti. Nelle sue parole ognuno, nessuno escluso, trova qualcosa che lo interroga direttamente e profondamente; atleti, tecnici, dirigenti, arbitri.

E’ stata sufficiente una sola ora trascorsa con lui per cancellare la fatica dell’attesa sotto un sole cocente che sabato 7 giugno ha accarezzato Roma in Piazza San Pietro. Ma l’incontro non è stato solo “emozionale”, non è stato solo un bel momento, è stata una vera e propria catechesi sportiva.
Lo sport è una strada dell’educazione, ma ce ne sono altre due che insieme allo sport devono accompagnare e guidare i giovani i ragazzi e i bambini, la strada dell’educazione e la strada del lavoro.
Se ci sono queste tre strade, la scuola, lo sport, il lavoro, non ci sarà più dipendenza da droghe, alcol e tanti vizi ….  E’ stato un richiamo e una sollecitazione per tutti gli uomini dello sport e anche gli umini e donne della politica: Scuola, Sport e Lavoro.

E come succede in ogni incontro il Papa non si è limitato ai saluti formali ed istituzionali, ma ha anche indicato le strade da percorrere e ribadito quanto sia importante il gruppo sportivo in Parrocchia; se in parrocchia manca il gruppo sportivo la parrocchia non è completa, ma questo gruppo sportivo deve essere ben impostato, in modo coerente con la comunità cristiana.  Questo dovrebbe far riflettere molti dei nostri Parroci e Dirigenti sportivi.

Si torna a casa con una consapevolezza in più, facciamo parte di una grande squadra …. La Chiesa con un grande Capitano Papa Francesco ma un immenso allenatore Gesù Cristo.

Il 7 giugno non è stata solo una parata o un bella commemorazione dei 70 anni del CSI, piuttosto è stato un incontro, esattamente come quello che ogni realtà territoriale di questo nostro CSI “sparso” in Italia, cerca ed ottiene con il proprio vescovo, un rapporto di figliolanza, che anche a livello nazionale abbiamo cercato ed ottenuto con il Papa. Un abbraccio che tutti gli sportivi hanno voluto assaporare insieme, per ritrovare attraverso quell’abbraccio “paterno” il calore e lo stimolo giusto per raccogliere l’esortazione del Papa a non giocare per “mediocri pareggi”, ma a vincere la partita più bella, quella del Vangelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *