6 giugno ore 13: un minuto per la pace!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Parte dall’Azione Cattolica argentina l’iniziativa di fermarsi, venerdì 6 giugno alle ore 13, per un minuto di preghiera in vista del momento di raccoglimento tra Papa Francesco e i Presidenti di Israele e dell’Autorità Palestinese. “Un minuto por la paz” intende accompagnare con la preghiera, carica di speranza, l’incontro che si terrà a San Pietro, domenica 8 giugno, giorno di Pentecoste. I due leader Abu Mazen e Peres hanno risposto all’invito che il papa ha rivolto loro di ritrovarsi insieme a pregare, invito lanciato nel suo viaggio in Terra Santa. Un incontro che non ha precedenti, nello stile di papa Francesco, ma anche un segno importante di quanto il ruolo delle religioni nel processo di pace che ha bisogno di una ripartenza.

Una preghiera che quindi attraversa tutto il mondo è l’invito di “un minuto por la paz”, ognuno dovunque si trovi, che sia a casa, a lavoro, a scuola, in strada, è chiamato a fermarsi un minuto, a piegare il capo e pregare secondo la propria tradizione per la pace, nella giornata di venerdì 6 giungo alle 13. Un gesto di testimonianza, un gesto che coinvolge tutti, che può essere condiviso da tutte le persone di buona volontà, per la pace in Terra Santa.

L’iniziativa dell’Ac argentina è stata accolta e rilanciata dal FIAC e quindi dall’Azione Cattolica Italiana. Il FIAC è il Forum Internazionale dell’Azione Cattolica che raccoglie tutte le associazioni di Azione Cattolica nel mondo. È sostenuta anche dall’Umofc (Unione Mondiale delle Organizzazioni Femminili Cattoliche) di cui fa parte.

L’Azione Cattolica invita tutti ad aderire, accogliendo le parole di papa Francesco.” “E per favore, chiedo a voi di non lasciarci soli: voi pregate, pregate tanto perché il Signore ci dia la pace, ci dia la pace in quella Terra benedetta! Conto sulle vostre preghiere. Forte, pregate, in questo tempo, pregate tanto perché venga la pace (Udienza generale 28 maggio 2014)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *