Ventri affittati ed embrioni scambiati: che cosa sa succedendo all’ umanità? La riflessione di Susanna

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MammaIn questi giorni sia il telegiornale, che la stampa si stanno occupando del caso degli embrioni gemellari scambiati a Roma mentre Avvenire denuncia la consuetudine “…paralegale” da parte di donne guatemalteche poverissime di “affittare” il proprio utero a facoltose coppie.

Nel primo caso assistiamo al fenomeno – umano – di tentare a tutti i costi di avere un figlio proprio da parte di una coppia – prima con metodi naturali, poi artificiali o artificiosi ed ecco che l’errore umano causa il pasticcio.

Due donne con cognomi simili, addirittura con cinque lettere uguali su sette, la chiamata per la “messa a dimora” meccanica dell’embrione formatosi in vitro, che la donna crede essere costituito dal seme del coniuge e dal proprio ovulo, l’attecchimento e la gioia della gravidanza iniziata. Poi l’amara e sconvolgente scoperta: quell’embrione non è della coppia, ma di altri oppure – ci sono state molte casistiche – è costituito dal seme del marito che ha artificialmente fecondato l’ovulo di un’altra donna, quindi la gravidanza che si sta portando avanti conduce alla nascita di un bambino figlio di altri o parzialmente figlio altrui. Il dilemma: che fare? Tenere quel bambino non figlio proprio oppure “restituirlo” ai genitori o alla madre biologica ? E la madre biologica o la coppia di genitori biologici, che cosa fanno a questo punto? Danno il consenso affinchè il proprio figlio naturale sia cresciuto da un’altra coppia oppure lo rivendicano? Ci sovviene il re Salomone (1RE 3,16-28) di biblica memoria, che scopre la “vera” madre tramite l’amore disinteressato e generoso fino alla rinuncia di sé che ella manifesta nei confronti del figlio e allora riflettiamo: chi è la vera madre in questo caso? Forse la risposta non c’è, purtroppo è questo il dramma. Non preoccuparsi dei propri embrioni sprecati o buttati ( a centinaia per ogni coppia che sceglie queste pratiche forzate di inseminazione e impianto ) non è da vere madri, non è da veri genitori: è una edonistica ed egoistica corsa al voler un oggetto – non un figlio – a tutti i costi, contro tutto e contro tutti. Non accettare la volontà di Dio e pensare che forse l’adozione di un bambino già esistente su questa Terra che forse non ha i genitori perché aspetta proprio te è sintomo di malattia, una malattia dello spirito.

La legge degli uomini ci viene in soccorso e dichiara che la madre è colei che partorisce il figlio e quindi anche se il DNA dei gemellini di Roma tradisce il non-essere figli di chi li ha partoriti, nulla potrà legalmente la madre biologica, nessuna rivendicazione. Ma la questione è etica, non solo legale. In Guatemala avviene invece che donne miserrime e deprivate, accettino di affidarsi ad agenzie specializzate che – a pagamento, si intende- pratichino loro l’inseminazione artificiale o meglio: l’ impianto di un embrione costituito dalle semenze di un’altra coppia. La donna viene assistita per tutti i 9 mesi, quando nasce il bambino riceve l’ultima trance di soldi e lo “cede” appena nato a mani altrui, che fanno “paralegalmente” figurare ( la legge è diversa in molti Paesi) che il piccolo sia nato all’estero da una coppia di turisti, che naturalmente è figlio loro, ciò può tra l’altro essere dimostrato anche tramite il test del DNA, che conferma la genitorialità biologica.

La donna guatemalteca se ne va contenta col suo gruzzolo e col ventre vuoto, l’altra donna, sterile, se ne torna al proprio Paese “civile” e ricco stringendo felice fra le braccia il “proprio” bambino. Giustamente è stato scritto che questa tristissima pratica, che non tiene conto di Dio nel vero senso della parola è diventata un’ultima tragedia della nuova colonizzazione da parte del mondo occidentale sul terzo mondo e una nuova schiavitù. L’etica oggi ha un senso? E’ giusto approfittare di chi è povero? Un essere umano si può comprare? Dio entra nella vita dell’uomo o è un’appendice culturale? Su questi quesiti lanciamo uno spazio di riflessione.

Susanna Faviani

Giornalista pubblicista dal '98 , ha scritto sul Corriere Adriatico per 10 anni, su l'Osservatore Romano , organo di stampa della Santa Sede per 5 anni e dal 2008 ad oggi scrive su L'Avvenire, quotidiano della CEI. E' Docente di Arte nella scuola secondaria di primo grado di Grottammare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *