Regione Marche, stagione balneare 2014 dal 1 maggio al 30 settembre

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

REGIONE MARCHE – Nelle Marche la stagione balneare 2014 inizia il 1 maggio e termina il 30 settembre. Lo ha stabilito la Giunta regionale che ha confermato il periodo di balneazione già individuato negli anni precedenti e adottato il Piano di sorveglianza algale. L’adempimento è necessario per rafforzare i controlli sulla qualità delle acque e attuare le eventuali misure di salvaguardia della salute pubblica. La Regione deve individuare i tratti marini dove è possibile la balneazione. I controlli vengono effettuati dall’Arpam (Agenzia regionale per la protezione ambientale), mentre gli interventi di divieto della balneazione o di ripristino della salubrità delle acque vengono adottati dai Comuni costieri interessati. Complessivamente l’82 per cento della costa marchigiana, lunga oltre 180 chilometri, è utilizzabile per scopi balneari. La restante parte è interdetta perché ospita strutture portuali o per vincoli amministrativi e di legge. Sulla base delle rilevazioni quadriennali 2010-2013, che hanno determinato la nuova classificazione 2014, il 92% delle 247 aree dove sarà possibile la balneazione presenta una qualità delle acque classificata come “eccellente” o “buona”, il 2% come “sufficiente”, mentre solo nel 4,5% la balneazione è interdetta. La rilevazione riguarda i 23 Comuni costieri marchigiani e i 7 degli invasi artificiali di Borgiano, Castreccioni e Fiastra dove è possibile la balneazione. “I dati del 2014 confermano che il mare, nelle Marche, è una risorsa e una garanzia di qualità per quanti le sceglieranno per trascorrere un periodo di vacanza. Ne sono garanzia anche le 18 Bandiere blu della nostra costa. Con l’Arpam e in sinergia con tutti gli Enti locali siamo impegnati a garantire una stagione balneare all’insegna della tutela dei bagnati e del mare pulito – afferma l’assessore all’Ambiente, Maura Malaspina – La sorveglianza sarà massima in quanto le avverse condizioni meteo dell’anno, contraddistinte da una piovosità superiore alle medie stagionali, possono ancora interferire con la qualità delle acque riversate in mare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *