Il Comune di San Benedetto del Tronto conferma la certificazione ambientale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Al termine di una accurata e puntuale verifica di tutti i parametri previsti dalla norma, con la presenza di due ispettori dell’ente competente a rilasciare l’attestazione che per tre giorni hanno incontrato funzionari e amministratori, effettuato riscontri sul campo, esaminato documenti, il Comune di San Benedetto ha ottenuto il rinnovo per i prossimi tre anni della Certificazione Ambientale UNI EN ISO 14001:2004.

La certificazione ambientale ISO 14001, ottenuta per la prima volta da San Benedetto nel 2011, è un riconoscimento molto importante perché attesta che il Comune ha messo in atto tutta una serie di azioni coerenti con l’obiettivo di salvaguardare l’ambiente, la salute e la sicurezza delle persone.

Per ottenere la certificazione, che viene rilasciata da un ente a ciò autorizzato (nel nostro caso, la Certiquality), previa una severa verifica dei requisiti previsti dalla normativa, il Comune ha dovuto seguire un lungo e complesso iter che ha compreso un’analisi ambientale, una verifica della politica ambientale dell’Ente, una pianificazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA), cioè la definizione delle regole che l’Ente si è dato e che assume l’impegno di osservare nel tempo. Tutti elementi che, a distanza di tre anni, sono stati positivamente sottoposti a verifica.

“L’obiettivo, per nulla scontato – dice con soddisfazione l’assessore all’ambiente Paolo Canducci – è stato raggiunto grazie alla collaborazione fattiva di tutti gli uffici e dei consulenti esterni che ci hanno supportato in questa complessa operazione. La certificazione di qualità non è solo un elemento distintivo della bontà delle nostre politiche in materia ambientale, ma è anche un marchio di garanzia che possiamo spendere nelle politiche promozionali del territorio e che i turisti, oggi sempre più attenti ai valori ambientali, prendono in grande considerazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *