Con il treno Jazz più facile e sicuro il collegamento Ascoli – San Benedetto del Tronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PROVINCIA – Utilizza materiali riciclabili per il 95%, garantisce ridotte emissioni in atmosfera di CO2 ed ha bassi consumi energetici.

L’illuminazione per i passeggeri è a led, con taratura automatica in funzione della luce esterna e i sistemi di climatizzazione sono regolati anche in funzione del numero di persone presenti nelle carrozze.

Sono alcune delle caratteristiche di “Jazz” , il nuovo treno regionale da lunedì 14 aprile operativo sulla tratta Ascoli – S. Benedetto del Tronto e che alle ore 12.30, farà il suo primo ingresso alla stazione di Ascoli Piceno con a bordo il sindaco Guido Castelli, il dirigente regionale di Trenitalia, Antonini, dirigenti e amministratori della Regione Marche.

Il nuovo elettrotreno, prodotto da Alstom Ferroviaria, si aggiunge alla famiglia dei treni “musicali”: Vivalto e Minuetto. Dotato di quattro motori raggiunge i 160 km/h, la sua composizione varia da quattro a cinque vetture e dispone di 292 posti a sedere.

“Jazz” garantisce inoltre  livelli di sicurezza e affidabilità paragonabili a quelli dei treni Alta Velocità. Ogni carrozza è dotata di un impianto di videosorveglianza con telecamere interne ed esterne e i sistemi di comunicazione con il personale di bordo tutelano la tranquillità dei passeggeri.
L’ampia visibilità interna, senza “zone d’ombra”, rassicura i passeggeri che viaggiano da soli e in orari di scarsa frequentazione. Le persone anziane o con difficoltà motorie, grazie alle pedane retrattili e agli accessi alle carrozze “a raso”, non devono affrontare scale in salita o discesa, né superare dislivelli fra il piano del treno e la banchina.

A meno di un anno dall’elettrificazione della tratta Ascoli – P. Ascoli, strategica sia per l’intero sistema del trasporto pubblico locale sia per rispondere alle esigenze di miglioramento della mobilità del territorio ascolano,il trasporto ferroviario del nostro territorio si può quindi vantare di essere il primo in Italia ad utilizzare il modernissimo elettrotreno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *