All’Udienza generale, oggi, la croce realizzata con il legno dei barconi di Lampedusa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Arriverà direttamente dalle acque di Lampedusa la croce realizzata con il legno dei barconi di Lampedusa che verrà presentata a Papa Francesco, domani, durante l’Udienza generale in piazza San Pietro. Si tratta di unagrande struttura alta 2 metri e 80 e larga un metro e mezzo, del peso di 60 chili. Essa verrà benedetta dal Pontefice durante l’Udienza per poi avviare il suo pellegrinaggio lungo tutta l’Italia.

L’iniziativa è denominata “Viaggio della croce di Lampedusa” e – come riferisce L’Osservatore Romano – vuole portare un messaggio di solidarietà e di pace tra comunità, parrocchie, culture e religioni. A promuoverla è la fondazione Casa dello spirito e delle arti, attiva da diversi anni a Milano nell’ambito della cultura, della musica e delle arti intese come strumenti al servizio delle fasce più deboli della popolazione, in particolare bambini e giovani in situazioni di grave disagio sociale. Alcuni membri della fondazione parteciperanno all’Udienza del Papa.

In una sorta di “staffetta spirituale”, spiega poi il quotidiano vaticano, la croce passerà di comunità in comunità, fermandosi nelle parrocchie che vorranno accoglierla per essere poi ospitata definitivamente nella chiesa di Santo Stefano a Milano. In questo modo — spiegano i promotori — la croce potrebbe divenire non solo meta di preghiera e pellegrinaggio per tutti i fedeli laici toccati dal dramma di Lampedusa, ma traccia permanente di una memoria che non deve né può svanire.

L’opera è stata realizzata dal falegname lampedusano Franco Tuccio, autore anche del pastorale utilizzato da Papa Francesco l’8 luglio 2013, durante la sua visita nell’isola. Già l’anno passato la diocesi di Milano aveva commissionato 150 croci realizzate con il legno dei barconi, in occasione del rito che svoltosi nel capoluogo lombardo il 2 novembre per commemorare le vittime del naufragio dell’ottobre 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *