FOTOGALLERY L’ACR di Grottammare si prepara a vivere la Pasqua

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Chiara Palestini

Sabato 29 Marzo, con i vari gruppi A.C.R , ci siamo ritrovati all’Oasi Santa Maria ai Monti di Grottammare per il ritiro di quaresima dove Don Guido ha letto e commentato il vangelo della IV domenica di Quaresima. Gesù, incontrato un uomo cieco, sputò per terra, fece del fango con la saliva e lo plasmò sugli occhi  dell’ uomo poi gli disse “và alla piscina di “Silòe” per lavarti gli occhi “(siloe=inviato). I giudei accusarono Gesù per aver operato di sabato ,considerato dagli ebrei giorno di riposo.

Terminato questo momento i gruppi dei Piccolissimi, 6/8 e 9/11 hanno continuato le loro attività all’Oasi, mentre noi ragazzi del Gruppo 12/14  ci siamo separati dagli altri  per andare a Ripatransone presso il convento delle “suore Teresiane” dove abbiamo svolto le attività del pomeriggio.
Esse consistevano nel ricercare dei brani del  vangelo e descrivere com’era vestito Gesù in quelle occasioni. I brani riguardavano la lavanda dei piedi, dove Gesù indossava una veste marrone e aveva un asciugamano in mano, la spogliazione di Gesù dove aveva una corona di spine intrecciate e un manto di porpora, l’ultimo si trattava dei soldati che si giocava il manto a dadi ed era vestito con stracci e una corona di spine. Poi Lorenzo e Michele, i nostri educatori,  hanno tirato fuori un cartellone sul quale era disegnato un omino che aveva i vestiti con scritti gli abiti più costosi. Abbiamo tolto la maglia e al suo posto abbiamo messo gli occhiali per riconoscere chi “ci guida”, poi la cintura e abbiamo aggiunto il vangelo sulla mano dell’omino, simboleggiando la sorgente della Parola; infine dopo aver  “estratto” i pantaloni abbiamo riportato la veste bianca del battesimo che stava a significare il simbolo della nuova vita.
Svolte le attività siamo andati a visitare Ripatransone dove abbiamo incontrato Giacomo e Lorenzo ci ha fatto da guida dato che aveva studiato lì. Abbiamo aspettato Don Guido per fare la preghiera prima di cenare, poi abbiamo indossato i giubbetti per andare nella chiesa davanti al convento.
Lì abbiamo fatto una veglia di preghiera, Don Guido ci ha spiegato quali erano gli elementi del vangelo del giorno : l’ acqua, che successivamente ha benedetto, la terra e una candela cioè la luce. In quell’ occasione abbiamo anche approfittato per confessarci. Verso le 23:30 siamo andati a letto e la mattina successiva dopo esserci preparati, abbiamo fatto le l’ufficio delle letture e poi colazione. Subito dopo abbiamo pulito la stanza, e fatto un momento di verifica e confronto poi,  ci siamo preparati e siamo tornati a Grottammare per partecipare con tutti gli altri ragazzi dell’ACR alla messa domenicale. Una bellissima esperienza, che mi ha fatto “aprire gli occhi” su l’importanza di seguire il Signore…e “come è bello e gioioso stare insieme come fratelli”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *