Bike Sharing ViaVai, al via il nuovo progetto anche a Martinsicuro e non solo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Bicing_Barcelona_Urban_Cycling

MARTINSICURO – Martedì 1 Aprile 2014 si è tenuto a Pescara un incontro pubblico con l’Assessore Di Dalmazio sul progetto di Bike Sharing ViaVai. Per l’Amministrazione Comunale di Martinsicuro era presente l’Assessore al Turismo Massimo Corsi. La proposta progettuale che sta portando avanti la Regione Abruzzo e che vede Martinsicuro come Comune Capofila dei sette centri della costa teramana ha avuto un esito positivo.

I prossimi passaggi prevedono: entro un mese da ora, un’eventuale revisione del progetto da parte della Sangritana e della Regione Abruzzo in termini di dimensionamento e numero stazioni rispetto al territorio interessato. Appena ricevuto il via libera dai comuni sui progetti rivisti, la Sangritana procederà con la gara di appalto per la fornitura delle bici e delle stazioni. Contestualmente verranno sottoscritte le convenzioni tra i Comuni (o l’Ente Capofila nel nostro caso) e la Regione per formalizzare la disponibilità degli spazi. La Regione prevede di installare le stazioni sul territorio tra circa un anno (primavera 2015).

Per Martinsicuro sono state individuate quattro stazioni da dieci biciclette ognuna, di cui tre a pedalata assistita.

L’idea è quella di passare alla fase esecutiva del progetto attraverso uno stretto coordinamento Regione-Comuni, pertanto sarà possibile modificare la proposta nel modo più opportuno. Il sistema Bike-sharing sarà integrato con un sistema Wi-fi e sarà gestito attraverso un’app in grado di fornire informazioni sulle bici disponibili e sulla loro localizzazione.

L’Assessore Di Dalmazio ha ribadito, che per il Comune di Martinsicuro sono previsti finanziamenti pari a 420.000 Euro per la realizzazione dei tratti sprovvisti della pista ciclabile e per l’abbellimento di quella esistente.

“Si è provveduto immediatamente – ha dichiarato Corsi – ad attivare gli Uffici Comunali per la redazione di un progetto preliminare in tal senso. Ringraziamo la Regione Abruzzo per aver compreso ed interpretato nel migliore dei modi le esigenze del nostro territorio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *