Convegni AMCI un successo di partecipazione, tutti invitati al il terzo appuntamento!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

IMG_3687 (960x640)

 

Leggi anche: AMCI, Convengo Bioetica: Vescovo Bresciani “Siamo di fronte ad un cortocircuito culturale che manda in tilt i diritti umani”

DIOCESI – Si è tenuto presso l’ospedale Madonna del Soccorso il secondo appuntamento organizzato dal Dott. Alfredo Fioroni presidente dell’AMCI della nostra diocesi.
All’incontro vi è stata una presenza molto significativa di tantissimi operatori socio sanitari che hanno gremito la sala convegni dell’ospedale.
In questo appuntamento moderato dal Dott. Alfredo Fioroni e dal dott. Andrea Chiari si è trattato insieme ai medici Paolo Marchionni e Emanuela Lulli del tema: “Procreazione consapevole e responsabile, procreazione medicalmente assistita, la pillola del giorno dopo e l’aborto, l’accoglienza della vita nascente”

Un tema complesso che riportiamo attraverso l’articolo pubblicato su Scienza e Vita proprio da uno dei relatori dell’incontro: Dott. Paolo Marchionni scritto insieme alla Dott.ssa Paola Ricci Sindoni sugli embrioni crioconservati.

Il prossimo appuntamento dell’AMCI sarà venerdì 4 Aprile alle ore 15.00 quando verrà trattato il tema: “Aspetti etici della ingegneria genetica, Trapianti di organo ed Ecologia Umana” a cura del Dott. Luca Valera.
Seguirà l’intervento del Dott. Nicola Di Stefano su “Aspetti antropologici ed etici del dibattito sulla identità di genere Aspetti etici della Chirurgia estetica”.

Autori Dott. Paolo Marchionni e Dott.ssa Paola Ricci Sindoni

“Il tema ci permette di riflettere su una questione che qualcuno vorrebbe ritenere marginale nel panorama scientifico e bioetico contemporaneo, quasi dovesse essere riservato soltanto ai pochi specialisti o qualche intellettuale accademico. L’argomento è tornato di ancora maggior attualità nel nostro Paese dopo che i pronunciamenti giurisprudenziali recenti della Corte Costituzionale e di alcuni Tribunali hanno di fatto rimosso o grandemente attenuato il divieto, contenuto nella legge 40/2004, circa la crioconservazione di embrioni da tecniche di procreazione medicalmente assistita, nonché la loro produzione

in un numero “superiore a quello strettamente necessari ad un unico e contemporaneo impianto, comunque non superiore a tre” (così appunto la formulazione originaria dell’art. 14 della legge). Allo stato attuale, dunque, esistono nel nostro Paese (e certamente ancor di più nel mondo) un numero elevatissimo di embrioni ottenuti a seguito di procedure di procreazione medicalmente assistita, sul cui futuro non vi sono certezze, e nemmeno ipotesi in discussione: anzi la sola certezza è il loro congelamento sine die. Sotto il profilo bioetico, la domanda circa il futuro di tali embrioni appare del tutto legittima: si tratta infatti di ipotizzare quale possa essere il futuro di individui appartenenti alla specie umana, frutto del concepimento derivato dall’incontro di una cellula uovo e di uno spermatozoo, che al momento sono conservati in congelatori, e che con elevatissima probabilità sono destinati a restare in uno stadio di persistente precarietà, e quindi soltanto molto raramente destinati ad essere trasferiti in utero in vista della possibile gravidanza e quindi nascita. Le tecniche di procreazione medicalmente assistita hanno visto una accelerazione clamorosa del loro sviluppo negli ultimi 50 anni, e soltanto poco più di 30 anni fa è stato possibile ai ricercatori ottenere il risultato di realizzare un concepimento in provetta seguito dalla nascita del primo individuo umano (Louise Brown, 1978) ad opera dell’equipe del prof. Edwards, insignito del premio Nobel nel 2010 e recentemente scomparso. La celebrazione delle “magnifiche sorti e progressive” che si è concretizzata nella possibilità di generare la vita nei laboratori scientifici, e che è stata di fatto “santificata” dal premio Nobel conferito appunto al prof. Edwards, ha fatto passare in secondo piano il destino di migliaia e migliaia di embrioni che, paradossalmente, sono vittime proprio di quel progresso che li ha generati. Parallelamente alla ricerca scientifica in questo ambito, anche la riflessione bioetica si è interrogata, ponendosi le domande cruciali circa il significato etico di scelte che hanno condotto, di fatto, alla separazione della procreazione dalla sessualità e, spesso, anche dalla genitorialità di coppia, dato il diffondersi di una mentalità che tende a identificare il “prodotto del concepimento” come appunto la risposta ad un desiderio, senza alcuna verifica circa le condizioni in cui la omanda viene posta.

Con particolare riguardo al destino degli embrioni crioconservati, già negli anni passati vi sono stati interventi autorevoli e – a fronte di proposte anche innovative e per certi versi dirompenti, quali quelle relative alla cosiddetta adozione prenatale, formulate a partire dai primi anni Novanta – si è tentato di sistematizzare il pensiero e di mettere sul piatto le diverse opzioni. Già nel luglio 1996, con interventi distinti, due autorevoli studiosi appartenenti a quell’ambito di riflessione bioetica che in maniera certamente sbrigativa viene qualificata come “bioetica cattolica” avevano trattato l’argomento della adozione prenatale: il prof. p. Maurizio Faggioni su L’Osservatore Romano del 22- 23 luglio 1996 e l’allora prof. mons. Elio Sgreccia, oggi cardinale, caposcuola della bioetica fondata sul personalismo ontologico, su Avvenire del 27 luglio 1996. Scriveva allora il prof. Faggioni: “la soluzione, suggerita come extrema ratio per salvare da morte sicura gli embrioni abbandonati, ha il merito di prendere sul serio il valore della vita pur fragile degli embrioni e di raccogliere con coraggio la sfida della crioconservazione.

Essa cerca di arginare gli effetti nefasti di una situazione disordinata, ma il disordine entro cui la ragione etica si trova ad operare segna profondamente gli stessi tentativi di soluzione”. A tale preoccupazione faceva eco pochi giorni più tardi il card. Sgreccia: “La generosa disponibilità messa in campo da un encomiabile numero di coppie per accogliere in grembo gli embrioni congelati ‘orfani’, destinati ad essere distrutti […] ha – a nostro avviso – un aspetto almeno positivo: quello di pesare

fortemente sulla coscienza di chi, direttamente o indirettamente, ha permesso quella situazione aberrante. Per il resto, ci pare che, in assenza di garanzie di sospensione della metodica del congelamento, l’idea di un’organizzazione sistematica dell’adozione prenatale degli embrioni finirebbe di fatto per legittimare la pratica che sostanzialmente è alla base del problema. Anzi, la prospettiva dell’adozione stessa finirebbe per attenuare il senso di responsabilità morale di chi continua a congelare embrioni, rassicurandolo sul fatto che tanto ci sarà, comunque, qualcuno che li adotterà”. Successivamente il Magistero della Chiesa si è occupato della questione, trattandone in maniera autorevole nella Istruzione Dignitas personae, pubblicata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede l’8 dicembre 2008. In essa, al n. 19, si legge: “È stata inoltre avanzata la proposta, solo al fine di dare un’opportunità di nascere ad esseri umani altrimenti condannati alla distruzione, di procedere ad una forma di ‘adozione prenatale’. Tale proposta, lodevole nelle intenzioni di rispetto e di difesa della vita umana, presenta tuttavia vari problemi non dissimili da quelli sopra elencati”. Sembra dunque di poter affermare che sia il Magistero sia l’opinione di autorevoli studiosi escludesse nei fatti tale opzione dal novero di quelle ipotizzabili per risolvere una questione che, peraltro, è tuttora presente ed irrisolta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *