Il Papa si confessa, una testimonianza semplice e forte!

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PapaUn gesto appena sfiorato come per chiedere alla gente in fila di attendere un attimo. E il Papa si dirige dal confessore, s’inginocchia per alcuni minuti e riceve il sacramento della riconciliazione. Poi si alza, con la stola viola, e comincia a confessare. Sono gesti piccoli, comuni, compiuti con estrema normalità. Inutile però nascondere lo stupore. Tanto più forte quanto più si è consapevoli della semplicità del gesto. È l’immagine del Papa che dà per primo l’esempio, ciò che rimane oggi del rito per la riconciliazione che si è svolto ieri pomeriggio nella Basilica vaticana, all’interno dell’iniziativa “24 ore per il Signore”.
Nel periodo della Quaresima la Chiesa rinnova l’appello alla conversione. “È la chiamata a cambiare vita – ha detto ieri Francesco -. Convertirsi non è questione di un momento o di un periodo dell’anno, è impegno che dura tutta la vita. Chi tra di noi può presumere di non essere peccatore? Nessuno”. Proprio così, nessuno. Nemmeno il Papa che continua a rompere i protocolli vaticani e a sorprendere. Non era mai successo che un Papa si confessasse in pubblico. Ma il suo stile è vita. Più delle parole, parlano i fatti. E in quell’inginocchiarsi ieri davanti al confessore, ha gridato al mondo non il suo essere peccatore ma la sua infinita fiducia nell’amore di Dio che vale per ogni uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *