Vicaria della Beata Assunta Pallotta e la bellissima “Scuola della Parola”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Silvia

MONTEDINOVE – Il quinto incontro mensile della “Scuola della Parola” per la nostra Vicaria ha avuto luogo Giovedì 13 Marzo c.a. Presso il Convento di San Tommaso a Montedinove.
Esso, come in precedenza, è stato diretto e guidato da Padre Giancarlo Corsini, Padre Provinciale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali. M
olto interesse e attenzione vengono dedicati dai parrocchiani della Vicaria alla Lectio Divina, esposta da P. Corsini, a tal punto che sempre nuovi partecipanti si accostano alla conoscenza approfondita dei passi del Vangelo. Stavolta la Lectio Divina si è basata su “gli operai mandati nella vigna” ( da Matteo 20, 1-16), per cui dopo la lettura della parabola evangelica, il relatore si è soffermato sulla questione economica e cioè sul compenso spettante all’operaio alla fine della giornata.
La logica del mondo direbbe “quanto hai lavorato, tanto riscuoti”, ma non è così, perchè il padrone dà il giusto contrattato, ma dispone del suo patrimonio come vuole. E il richiamo ad altre parabole che conducono allo stesso fine non mancano nell’insegnamento evangelico. Il mormorio, la scontentezza di chi pensa di non meritare tale insoddisfazione è in fondo la chiave di lettura a cui ci ha portato il relatore:”Il tuo occhio è cattivo perchè io sono buono?” E la domanda vuole una profonda riflessione: è l’invidia, il vizio capitale che sconvolge l’animo di chi sospetta un sopruso, una ingiustizia. Ma è l’accostamento antitetico alla bontà “del padrone” che la parabola evangelica ci fa considerare per affermare che un cuore “buono” non è mai sordo dinanzi alla povertà degli “ultimi”. È il sentimento cristiano della gratitudine che dovrebbe radicarsi nel cuore di ognuno e che invece sembra latente nel mondo di oggi. È il richiamo che Papa Francesco nell’omelia durante l’incontro con i fidanzati ha ribadito sottolineando che una delle tre voci e cioè “grazie” deve essere fondamento dell’unità nell’ambito domestico.
La Lectio si è chiusa con una preghiera conclusiva, tratta dal Salmo 103, e quindi ci siamo dati appuntamento col Relatore al 10 Aprile prossimo per il sesto incontro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *