Un’inglese arrabbiata per i detenuti del Marino

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

PROVINCIA – Un testo durissimo, che non concede nulla alla godibilità, reso in una certa misura comico. Non sdrammatizzato, ma arricchito di dissonanze.
E’ questo “Psicosi delle 4.48” della drammaturga inglese Sarah Kane, 28 anni, morta suicida dopo aver completato l’opera, rielaborato dal laboratorio di Lettura e Scrittura del carcere di Marino. Il testo, che rientra nella scuola drammaturgica degli arrabbiati inglesi, è stato adattato dal Laboratorio e verrà interpretato da quattro detenuti: Piero Renzi (monologo), Antonino Amaddio, Marco Alfonsi e Gianluca Migliaccio (medici-aguzzini-spettri che si aggirano intorno alla figura protagonista). L’appuntamento è per martedì 25 marzo alle 17.30 presso la libreria Rinascita di Piazza Roma ad Ascoli. Ingresso libero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *