Associazione per contrastare la diffusione della “teoria del gender” nelle scuole e tra i giovani

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Le associazioni cattoliche, familiari, culturali o di carattere professionale, intendono organizzarsi per contrastare la diffusione della “teoria del gender” nelle scuole e tra i giovani, in vista della difesa del valore “non negoziabile” della famiglia fondato sul rapporto stabile tra un uomo e una donna. Lo ha detto questo pomeriggio a Roma, intervenendo al convegno di Alleanza Cattolica, Giancarlo Cerrelli, del “Comitato Sì alla famiglia”, illustrando alcune azioni concrete in programma nei prossimi mesi. Oltre a moltiplicare convegni e iniziative di piazza accanto a “Manif pour tous Italia” e alle “Sentinelle in piedi”, Cerrelli ha annunciato l’organizzazione di una rete di avvocati in tutta Italia “per garantire assistenza e consulenza a genitori, dirigenti scolastici, docenti e studenti a fronte dell’imposizione nelle scuole di propaganda fondata sull’ideologia del gender, che spesso è gestita da esponenti di gruppi Lgbt (lesbiche gay bisex e transex)”. Ai candidati a ogni tipo di consultazione elettorale, a partire dalle elezioni europee di maggio, verrà sottoposto un “atto di impegno, se eletti, in tema di famiglia in coerenza con i contenuti del manifesto Sì alla famiglia”. Il Comitato di cui Cerrelli è animatore lavorerà in stretta collaborazione con il Forum delle associazioni familiari, rappresentato al convegno di Alleanza Cattolica dal presidente Francesco Belletti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *