Sabato si celebra la giornata mondiale dell’acqua

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal 1992, ogni 22 marzo si celebra in tutto il mondo la “Giornata mondiale dell’acqua” voluta dall’ONU per ricordare a tutti gli uomini e le donne, dai governanti ai semplici cittadini, quanto sia importante l’uso responsabile di una risorsa limitata ma vitale com’è l’acqua.

Nelle scuole dell’infanzia e primarie dei tre Istituti comprensivi di San Benedetto del Tronto si terranno incontri con gli alunni, tenuti da esperti della cooperativa “A Piccoli Passi” insieme ai docenti, sull’importanza dell’acqua e, nello specifico, sull’uso dell’acqua del rubinetto. Gli incontri, strutturati in una parte teorica ed una pratica con diversi laboratori educativo – creativi a tema, fanno parte del progetto “Non giochiamoci l’acqua” sostenuto dall’assessorato all’Ambiente e proseguiranno per tutto il mese di aprile. Poi in diverse aule, dai nidi d’infanzia fino alle secondarie di primo grado, sarà discusso il decalogo su come usare l’acqua senza sprecarla messo a punto dal Comune e distribuito alle dirigenze scolastiche con l’obiettivo di diffonderne i contenuti anche nelle famiglie dei bambini.

Inoltre, grazie alla disponibilità della ditta “Acquanet” che gestisce gli impianti, le due “case dell’acqua” di viale De Gasperi a San Benedetto e di piazza Setti Carraro a Porto d’Ascoli, erogheranno gratuitamente per l’intera giornata acqua pubblica refrigerata e frizzante.

“La città di San Benedetto del Tronto da anni coglie quest’occasione – spiega l’assessore all’ambiente Paolo Canducci – per promuovere una serie di iniziative, particolarmente dedicate ai più giovani, finalizzate non solo a promuovere un impiego razionale dell’acqua ma anche a ribadirne il valore di bene pubblico inalienabile. Quest’Amministrazione è fiera di aver da tempo inserito nel proprio Statuto “il diritto umano all’acqua”, ossia l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile, e lo status dell’acqua come bene comune pubblico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *