Gran Fondo San Benedetto del Tronto FRW alla festa del ciclismo marchigiano

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Listener-6

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Qual è l’alimentazione più corretta per chi pratica ciclismo agonistico? Come dosare i nutrienti nell’allenamento, nella preparazione alla gara e nel recupero? Come orientarsi nella giungla della diete? Da cosa è causato lo stress ossidativo? A queste ed altre domande risponderà il convegno in programma il 3 maggio (ore 18) a San Benedetto del Tronto dal titolo “Stress ossidativo e alimentazione nella pratica del ciclismo agonistico”. Autorevoli e qualificati i relatori del seminario: il professor Eugenio Luigi Iorio (Presidente internazionale stress ossidativo) e la dottoressa Tiziana Aperio (Biologo Nutrizionista).

Il convegno rientra nell’ambito delle numerose iniziative collaterali della 5ª edizione della Gran Fondo San Benedetto del Tronto – quest’anno sponsorizzata Freeewheeling – in programma il prossimo 4 maggio sulla Riviera delle Palme.

Organizzata dal Pedale Rossoblu – Picenum, sotto l’egida dell’Acsi, la rassegna promette grande spettacolo ed un ricco campionario di servizi.

Tra le novità di questa edizione ricordiamo l’assistenza meccanica durante la corsa in caso di guasto meccanico, forature e problemi al telaio. Su tutto il percorso opereranno un centinaio di volontari della Protezione Civile per garantire un servizio logistico degno di un evento professionistico. Il viale dello Sport e parte del lungomare saranno chiusi al traffico. Una scelta fortemente voluta dall’amministrazione di San Benedetto che ha voluto così valorizzare al massimo una rassegna che, sul piano della promozione turistica, garantirà un importante indotto.

Tra i servizi offerti agli atleti anche il soggiorno gratuito in hotel per il 3 maggio, i massaggi a fine gara, la security che presidierà l’intera area della corsa (parcheggi compresi). E poi il pasta party col pesce fresco ed un pool di sponsor di grande prestigio: la Frw di Claudio Brusi e Liliana Raimondi e la cantina Ciu Ciu della famiglia Bartolomei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *