Un “dolce” Panettone per I Liberi Teatranti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

commedia come si rapina
ANCONA – Si ride di gusto con I Liberi Teatranti. Anche in questo 2014 prosegue il successo della compagnia cuprense in scena con la commedia “Come si rapina una banca”. Ultimo successo in ordine di tempo quello ottenuto sabato, 15 marzo, presso il teatro Panettone di Ancona per la terza edizione della rassegna di teatro Comico e Contemporaneo, organizzata dal gruppo teatrale Recremisi in collaborazione con la Fita Gatt Marche . Il pubblico dorico ha apprezzato molto la performance di tutti gli attori impegnati sul palco, sottolineando ogni battuta con fragorose risate e tributando applausi a scena aperta.

Per la compagnia si tratta dell’ennesimo successo che corona i venticinque anni di attività. Fu Severino Ttrionfante nel lontano 1988, infatti, a mettere insieme il primo nucleo di attori amatoriali che, con il passare degli anni, sono cresciuti, artisticamente e umanamente, riuscendo ad ottenere grandi riconoscimenti. Tanti i teatri calcati dai commedianti cuprensi e tanti i premi vinti. Anche dopo la sua prematura scomparsa la caparbietà della figlia Marisa ha fatto sì che quanto di bello costruito non fosse dissipato. E ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, è stato proprio il pubblico, sempre copioso e divertito, a decretatare il successo di questa nuova avventura. Ultimi in ordine di tempo i premi conferiti a Lucio Spina e Carla Civardi come migliori attori alla rassegna “La Fojetta d’oro” di Montalto.

I Liberi Teatranti saranno di nuovo in scena sabato prossimo, 22 marzo, al teatro Kursaal di Grottammare nell’ambito della rassegna invernale “Commedie Nostre”. Un’occasione da non perdere per vedere all’opera i già citati Lucio Spina e Carla Civardi, coadiuvati in scena da Marisa Trionfante, Francesco Casagrande, Giuseppe Mazza, Gianna Lanari, Salvo Lo Presti e Simonetta Olivieri, sapientemente guidati in regia da un poliedrico artista del calibro di Emilio Fabrizio La Marca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *