La riqualificazione scolastica parte da via Ferri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Screenshot_1
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il comune di San Benedetto ha individuato l’edificio scolastico da riammodernare. Da due settimane la cittadinanza era stata informata dagli organi di stampa che il sindaco Giovanni Gaspari, come tanti altri suoi colleghi italiani, avesse ricevuto una lettera da parte del neo presidente del Consiglio Matteo Renzi sulla possibilità di ristrutturare un edificio scolastico con fondi europei. Semplicemente il capo del Governo chiedeva al primo cittadino di indicare, qualora ve ne fosse bisogno, un polo scolastico che necessitasse di interventi urgenti, l’ammontare previsto per i lavori, come si era pensato di reperire i fondi e i tempi di consegna. Personale appositamente incaricato avrebbe analizzato la richiesta e aiutato il comune a reperire i fondi necessari.

Il comune si è messo subito all’opera e la scuola è stata individuata nel complesso di via Ferri. A essere portate all’attenzione di Renzi, infatti, sono state le strutture della scuola dell’infanzia e primaria “N. Miscia” e la scuola secondaria di primo grado “A. Manzoni” ad essa adiacente. L’ammontare degli oneri previsti sarà di 3.450.000 che si prevedeva di finanziare attraverso un mutuo. I lavori riguarderanno l’adeguamento antisismico, l’ampliazione dei due plessi e la realizzazione di un tunnel sotterraneo che colleghi le due strutture, la ristrutturazione degli spazi interni di entrambi gli edifici.

Le scuole risalgono agli anni ’70 e un restailing si rende necessario. I tempi di realizzazione dei lavori sono stati indicati in 30 mesi comprensivi di progettazione, appalto, esecuzione e collaudo. Ora si spera che il premier Renzi prenda in carico questa proposta e indichi la giusta strada per evitare un nuovo indebitamento al comune di San Benedetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *