Monteprandone – lavoro un successo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEPRANDONE – Oltre venti assunzioni in appena due mesi grazie al progetto Monteprandone-Lavoro. Il Sindaco di Monteprandone e la Cna di Ascoli, che ha appoggiato l’iniziativa, fanno un primo bilancio del risultato degli incentivi alle aziende che assumono forza lavoro del territorio. “L’iniziativa spiegano dal comune di Monteprandone – è rivolta a tutte le aziende della provincia di Ascoli, Fermo e Teramo e si pone l’obiettivo di creare cento posti di lavoro per i residenti del Comune di Monteprandone, avvalendosi di una piattaforma informatica che aiuterà l’incrocio di domanda e offerte di lavoro”.

“Un’iniziativa concreta – aggiunge Francesco Balloni, direttore della Cna Picena – che punta a dare un aiuto sostanzioso a tutti quei disoccupati residenti nel territorio. Per questo riteniamo che la sinergia con un’associazione di categoria sia fondamentale per ottimizzare i risultati, sia per le aziende che riceveranno un sostegno importantissimo in questo momento, sia per i lavoratori che avranno un’opportunità in più di collocarsi o ricollocarsi sul mercato”.

L’amministrazione comunale di Monteprandone mette a disposizione una “una tantum” di 1.500 euro alle aziende che sceglieranno di assumere un residente del comune con un contratto che abbia almeno la durata di 12 mesi. “Vogliamo andare incontro sia alle imprese sia ai cittadini in difficoltà per quanto concernono le nostre possibilità. Naturalmente essendo un’amministrazione comunale potremo essere d’aiuto solo a chi risiede nel nostro territorio. Tutti gli interessati possono avere più informazioni collegandosi al sito “.

“Possiamo dire – aggiunge Luigi Passaretti, presidente della Cna di Ascoli Piceno – che per noi quest’azione è un vero e proprio modello. Sarà nostro impegno stimolare le altre amministrazioni della provincia, anche con il nostro supporto, affinché replichino quest’iniziativa davvero virtuosa per affrontare il problema più grave che abbiamo oggi, ovvero quello della disoccupazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *