Velo e fischietto arbitro perfetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
donna arbitroIl fischietto col velo. Chahida Sekkafi, 16enne di origine marocchina che vive in provincia di Cremona, ha diretto domenica la prima gara ufficiale della sua carriera di arbitro. Chahida oltre a essere donna è anche musulmana e ha chiesto e ottenuto dalla Figc di poter arbitrare indossando lo hijab, che copre i capelli, la nuca e parte della fronte, ma non il viso.
In un’epoca in cui i simboli religiosi tendono a essere celati e cancellati a fare notizia non è l’annosa questione se sia giusto che le donne di fede islamica indossino il velo in contesti pubblici, ma la testimonianza che Chahida ha dato spontaneamente, seguendo con lealtà, da un lato, la sua passione e, dall’altro, le sue convinzioni religiose senza temere di mostrare ciò in cui crede nel mondo in cui vive.
La storia di questa giovane, appartenente alla cosiddetta Seconda generazione posta a metà del guado tra la cultura dei genitori e del Paese di origine e quella dei coetanei e del Paese in cui è nata e cresciuta, sembra essere una storia d’integrazione e tradizione capace di smentire tanti stereotipi: una ragazza appassionata di calcio non è di certo la norma e ancora meno lo è trovare un adolescente interessato non a segnare il gol decisivo, ma a far rispettare le regole del gioco. Senza considerare che a trasmettere a Chahida l’amore per il pallone non è stato il padre bensì la madre, calciatrice in Marocco e pronta ad accompagnarla anche domenica dagli spalti dell’oratorio San Luigi di Pizzighettone. “Io sostengo mia figlia – ha detto ai cronisti – nella sua scelta di fare l’arbitro, perché è una cosa bellissima essere giudici. E per essere giudici bisogna essere leali”. Come Chahida, leale verso le proprie convinzioni e verso le proprie passioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *