San Benedetto ammessa al “Bilancio di Cassa”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

imageS
AN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato pubblicato questa mattina, mercoledì 12 febbraio, il decreto della Ragioneria Generale dello Stato – Ministero dell’Economia e delle Finanze che conferma l’ammissione del comune di San Benedetto del Tronto alla sperimentazione del bilancio armonizzato che prevede come criterio principale quello della cassa e, contestualmente, indica un allentamento del vincolo del patto di stabilità per circa 2.630.000 euro da destinare agli investimenti fissando l’obiettivo per l’anno 2014 in 2.351.387 euro.

La sperimentazione del bilancio di cassa è il processo di riforma degli ordinamenti contabili pubblici finalizzato a rendere i bilanci delle amministrazioni pubbliche omogenei, confrontabili e aggregabili sia per renderli uniformi a livello comunitario sia per assicurare un maggior controllo sulla spesa pubblica.

Salvo proroghe, sarà un regime che entrerà in vigore per tutte le pubbliche amministrazioni dal 2015 ma lo Stato “premia” quei Comuni che anticipano l’entrata in vigore del nuovo sistema con un allentamento dei vincoli del patto di stabilità e quindi con la messa a disposizione di maggiori risorse per gli investimenti.

Si tratta di un sistema nel quale non trovano più spazio, come accadeva prima, i cosiddetti “residui attivi e passivi”, cioè le somme accertate ma non riscosse o quelle impegnate ma non spese che dunque non possono essere contabilizzate o utilizzate nell’anno successivo. Un lavoro che richiede la collaborazione di tutti i servizi dell’Ente che devono anche cambiare il modo di lavorare. Uno sforzo che il comune di San Benedetto sta compiendo e che, come detto, ha portato a questo importante risultato.

“Grazie al lavoro di tutta la struttura comunale abbiamo raggiunto un risultato molto importante – dichiara l’assessore alle finanze Fabio Urbinati – con l’adesione al nuovo bilancio di cassa si è raggiunto un obiettivo che non risolve tutte le questioni finanziarie dell’Ente ma è un grosso vantaggio in quanto ci permette di usufruire di maggiori risorse ed è indice di affidabilità tecnica e amministrativa del Comune di San Benedetto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *