Sala gremita per il primo degli incontri de “L’Ancora”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Maria Rosaauditorium

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolto venerdì 31 gennaio presso l’Auditorium Comunale “G. Tebaldini” il primo di una serie di appuntamenti promossi dalla nostra testata. Durante l’incontro è stato presentato il volume “Symbolum. Percorsi e approfondimenti sul Catechismo della Chiesa Cattolica” di Maria Rosa Poggio edito dalla Libreria Editrice Vaticana.

Si tratta della prima presentazione ufficiale, dopo quella avvenuta nei locali di Radio Vaticana. Ringraziamo le tantissime persone che hanno preso parte all’incontro in particolare Don Armando, Don Luca, Don Vincenzo, Padre Gabriele e Suor Angela.

L’incontro si è aperto con un intervento del nostro collaboratore, nonché curatore dell’evento, Nicola Rosetti che ha spiegato al pubblico come il nostro giornale, d’ora in poi, non si limiterà a fare informazione, ma organizzerà eventi culturali e promuoverà a fine maggio, nella nostra diocesi, il primo meeting dei giornali cattolici on line.

Ha preso poi la parola la Dott.ssa Barbara Falgiani del Movimento “Fides Vita” che ha illustrato come l’arte abbia molto rilievo nel cammino religioso del quale fa parte. La Falgiani ha spiegato come in due particolari momenti “Fides Vita” faccia ricorso all’arte per giungere a Gesù: attraverso la promozione di mostre, oppure tramite la realizzazione di un volantino, in occasione delle più importanti festività cristiane del Natale e della Pasqua.

La Prof.ssa Maria Rosa Poggio ha poi spiegato come è nata l’idea del volume “Symbolum”. L’autrice ha raccontato come un giorno abbia ricevuto la telefonata del Direttore della Libreria Editrice Vaticana, don Giuseppe Costa, che le chiedeva di realizzare un percorso di approfondimento sul Catechismo della Chiesa Cattolica soprattutto attraverso l’uso di immagini artistiche che fanno parte dei Musei Vaticani.

La Prof.ssa Poggio si è avvalsa di una presentazione in powerpoint per illustrare i principali contenuti del suo volume, che vuole introdurre le persone nel mondo del Catechismo della Chiesa Cattolica, un testo molto denso, che necessita di una “guida” del genere per poter essere apprezzato fino in fondo.

Symbolum si rivolge sia agli adolescenti che agli adulti. Usa volutamente un linguaggio semplice, ma non per questo banale, in grado di introdurre il lettore alle più alte verità della fede cristiana. Verità che spesso sono misconosciute dal grande pubblico, nonostante l’Italia sia un paese di tradizione cattolica. La professoressa ha notato come, ad esempio, nei quiz televisivi, spesso i concorrenti cadano su domande di carattere religioso, anche non particolarmente impegnative.

Per l’autrice, catechizzare non vuol dire solo trasmettere la fede, ma anche fare cultura, poiché gran parte del patrimonio artistico nazionale si ispira alla religione, ignorando la quale è impossibile apprezzare a pieno opere, ad esempio, di Michelengelo o di Caravaggio.

Numerosi sono gli stumenti che il lettore ha a disposizione nel volume per avvicinarsi alla comprensione dei contenuti del Catechismo della Chiesa Cattolica: il Vocabolario dei termini teologici, il Vocabolario scritturistico, le brevi spiegazioni introduttive per aiutare la comprensione, le note geografiche le citazioni della Scrittura.

Al termine della presentazione del libro sono stati premiati i vincitori del concorso “Fotografa il tuo presepe” organizzato sempre dal nostro giornale. La Parrocchia di San Pio V di Grottammare ha ritirato il premio per la sezione “il presepe parrocchiale” mentre Stefano R. quello per la sezione “il presepe di casa”.I premi sono stati consegnati dal capo redattore Simone Incicco e sono stati messi in palio dalla ditta Riviera Gomme e dalla Trattoria La Prioria di Grottmmare.

Don Vincenzo Catani, presente fra il pubblico, ha offerto una testimonianza della sua esperienza di prete amante dell’arte raccontando come, trovandosi a Lecce, abbia iniziato a fare dapprima da guida improvvisata ad una persona raccogliendo in fine attorno a sé una decina di persone. Il sacerdote ha spiegato come esse si fossero lasciate trascinare dal suo entusiasmo, parola questa – ha sottolineato il religioso- che deriva dal greco e vuol dire “essere in Dio”. Don Vincenzo, infine, ha invitato i presenti a visitare il museo di Castignano che custodice un copioso numero di icone bizantine.

Si ringraziano per la collaborazione, Mimmo Minuto della libreria “La Bibliofila”, il Comune di San Benedetto del Tronto che ha patrocinato l’iniziativa, l’Ufficio Diocesano per la Cultura e tutta la stampa locale che ha contribuito a diffondere l’evento.

Cogliamo l’occasione per invitarvi al prossimo incontro che si terrà venerdì 7 febbraio alle ore 21.15, sempre presso l’Auditorium Comunale “G. Tebaldini”.
Offriranno la loro testimonianza i coniugi Gasparre, responsabili regionali dell’associazione “La Quercia Millenaria”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *