Grazie cara befana per aver fatto vincere la mia squadra

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Arecala la Befana
Di D. G. R.
Il 6 gennaio, prima di concludere la Messa con la benedizione solenne dell’Epifania, ho rivelato ai parrocchiani il contenuto della mia letterina alla Befana.
Sì, ho scritto anch’io alla Befana e le ho chiesto un regalo: una vittoria della squadra per cui faccio il tifo.
L’assemblea, naturalmente, s’è lasciata andare a un sorriso, ma poi ho spiegato che alla Befana, così come a Babbo Natale è inutile rivolgere preghiere per la pace nel mondo e la serenità nelle famiglie, come recita qualche filastrocca ispirata a un laicismo esasperato ed esasperante!
Alla Befana e a Babbo Natale si possono chiedere piccoli regali, non cose grandi, spirituali, essenziali!
Per la pace nel mondo e nelle famiglie, per la fraternità e la solidarietà tra gli uomini, noi cristiani, come i Magi, sappiamo dove andare e a chi rivolgerci:
è il Signore che ci dona la pace;
è il Signore che ci ascolta in ogni momento;
è il Signore che provvede a noi in modo amorevole!
Perciò, a mio parere, nelle scuole i maestri cristiani farebbero un bel servizio educando i bambini a pregare ciascuno secondo la fede ricevuta in famiglia (cristiana, ebraica, musulmana,…) perché la preghiera è una cosa, le letterine alla Befana e a Babbo Natale un’altra!
Ah, dimenticavo, la mattina del 7 gennaio ho provveduto ad appendere nella bacheca parrocchiale la lettera di ringraziamento alla Befana per la vittoria della squadra per cui tifo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *