San Benedetto di nuovo sul grande schermo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

la Sorge con il regista e produttore Enzo G. Castellari
la Sorge con il regista e produttore Enzo G. Castellari

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolta questa mattina, venerdì 10 gennaio, una prima riunione tra rappresentanti dell’Amministrazione comunale, della Marche Film Commission e della produzione cinematografica che intende girare un film a San Benedetto del Tronto.

Oltre all’assessore alla cultura Margherita Sorge, erano presenti il regista e produttore Enzo G. Castellari, il produttore Gino Usai e Stefania Benatti, direttore della Marche Film Commission. Nell’incontro sono state gettate le basi per far sì che una nuova pellicola, dopo “Mio papà” di Giulio Base, venga girata in ambienti della Riviera delle Palme. I produttori hanno anche anticipato i possibili titoli del film (“Lassù qualcuno ci ama” oppure “Anche gli angeli piangono”) e parte della trama.

“Sarà un film che metterà in luce gli aspetti nobili della disciplina del pugilato passando per quelli più bui che spesso sono presenti nei match clandestini – afferma Castellari – la sceneggiatura è imperniata sulla storia di un ex puglie, interpretato da Franco Nero (che è anche produttore del film), che insegna ad un bambino di 10 anni l’arte del combattimento e la lealtà di questo sport. Attraverso l’allievo, il protagonista riuscirà ad ottenere le sue soddisfazioni che da giovane non ha avuto”.

Nelle giornate di oggi e domani la produzione effettuerà sopralluoghi in città per individuare i luoghi adatti: saranno prese in esame le ambientazioni del Palazzetto Sport ma anche di alcuni capannoni nell’area portuale, magazzini e palestre.

A metà febbraio si svolgeranno, sempre a San Benedetto, i provini per cercare il protagonista, vi potranno partecipare i bambini che già praticano pugilato o discipline affini di età compresa tra i 9 e i 12 anni. “Ci auguriamo che il prescelto sia un sambenedettese – dichiara Usai – ci hanno detto che l’ambiente pugilistico locale è florido e sarebbe bello poter trovare qui la figura giusta”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *