Gerusalemme, una casa per settantadue famiglie di diverse denominazioni cristiane

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

The Beit Safafa Housing Project has been initiated by Latin Bishop William Shomali of the Latin Patriarchate. It offers apartments to 72 Christian families from Jerusalem. ACN helped twice - 2007 and 2010 - to this project.

GERUSALEMME – Una casa per settantadue famiglie di diverse denominazioni cristiane. Finalmente i settantadue appartamenti del complesso residenziale voluto dal Patriarcato Latino di Gerusalemme sono pronti e le prime famiglie hanno già iniziato a vivere nella nuova casa nel quartiere Beit Safafa a Gerusalemme Est. Tra loro Rami, Ramia ed i loro tre figli. «Abbiamo dovuto attendere un po’, ma finalmente il nostro sogno si è avverato – afferma Rami – Per noi arabi cristiani acquistare un appartamento in questa città è davvero difficile».

L’idea di costruire un complesso abitativo per le famiglie cristiane è stata di monsignor William Shomali, vescovo ausiliare di Gerusalemme. Era il 2003, durante la seconda intifada, e l’esodo dei cristiani dalla Terra Santa aveva raggiunto proporzioni enormi. «Dovevamo trovare un modo per fermare la massiccia emigrazione dei fedeli – racconta il presule – In molti erano scettici al riguardo, ma con l’aiuto di Dio siamo riusciti a realizzare il progetto». La costruzione degli appartamenti è stata realizzata anche grazie al sostegno di Aiuto alla Chiesa che Soffre.

Monsignor Shomali, originario di Beit-Sahour, vicino Betlemme, riferisce come «l’emorragia di credenti» abbia avuto inizio nel 1890, quando in molti fuggirono dal servizio militare, dalla povertà economica e dalla mancanza di libertà religiosa. Da allora la dipartita dei cristiani non ha più avuto fine, raggiungendo il picco nel 1948, nel 1967 e durante la prima e la seconda Intifada. Oggi la situazione si è leggermente stabilizzata soprattutto grazie all’afflusso di pellegrini «che hanno rilanciato il settore turistico, offrendo impiego ai cristiani». Quello del lavoro è uno degli aspetti in cui i fedeli sono maggiormente penalizzati, per questo ACS da anni commissiona da anni rosari ed altri manufatti in legno d’ulivo e madreperla agli artigiani cristiani locali.

I settantadue appartamenti erano tuttavia ben pochi rispetto alle tante famiglie cristiane in difficoltà. «Non appena si è diffusa la notizia che il complesso era in costruzione, abbiamo ricevuto subito più di 500 richieste – dichiara il presule – e sfortunatamente non abbiamo potuto accogliere tutti i fedeli».

A preoccupare il patriarcato sono soprattutto per le coppie più giovani, come Rami e Ramia. Anche il piccolo contributo necessario a ripagare l’appartamento è un grande sforzo per loro e negli ultimi otto anni, costretti a risparmiare, hanno vissuto nella casa dei genitori di Rami. «I sacrifici non sono finiti – aggiunge Ramia – e questa estate dovremo rinunciare alle nostre vacanze. Ma è solo un piccolo prezzo da pagare per avere finalmente una casa tutta nostra. E poi così avremo l’opportunità di visitare i luoghi sacri della Terra Santa assieme ai nostri bambini».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *