L’Amministrazione comunale traccia il bilancio per il 2013 – parte 2

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

image
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Fine anno è tempo di bilanci. E il comune di San Benedetto, come tradizione, ha tracciato quelli dell’amministrazione targata Giovanni Gaspari. Tante sono state le iniziative portate avanti per rendere sempre più fruibile la vita cittadina e ogni assessore ha enunciato le proprie. Come giusto che sia, quindi, verranno riportate tutte. Ma per rendere più fruibile e soprattutto più consultabile possibile il tutto, la redazione ha deciso di distinguere ogni ambito in base all’assessore di riferimento e di pubblicarne uno al giorno da oggi a fine anno.

Nel secondo giorno della nostra pubblicazione andremo ad analizzare le deleghe dell’assessore Margherita Sorge e cioè Politiche sociali, Politiche della casa, Cultura, Pubblica istruzione, Turismo, Università e Pari opportunità. Ambiti davvero importanti e che meritano il giusto riguardo.

Iniziamo dal sociale. Per quanto riguarda il mondo giovanile l’azione del comune si è concentrata sul centro giovani sito nell’ex casa colonica sita al lato del campo Europa. Per i quindici anni di esistenza sono state rinnovate tutte le attrezzature sonore e audiovisive per permettere ai vari laboratori attivati ogni anno di proseguire al meglio. Le risorse sono giunte dal risparmio di 15 mila euro derivante dallo spostamento dell’Informa giovani dalla sede di via Romagna, in affitto, a uno spazio ricavato nel palazzo comunale. Ma non si sono dimenticati neanche i giovani svantaggiati. Sono stati, infatti, potenziati sia i centri diurni Arcobaleno e Biancoazzurro che ospitano al momento 52 utenti ogni giorno sia la possibilità di ospitare in pianta stabile dieci persone disabili prive di sostegno familiare sempre presso la struttura del Biancoazzurro. Il tutto per una spesa di 880 mila euro.

Sempre per le persone diversamente abili il comune ha provveduto a mantenere e in alcuni casi a potenziare i servizi domiciliari e scolastici educativi senza dimenticare la parte ludica e sportiva con corsi di nuoto specializzati. In ultima analisi si sta cercando di portare avanti progetti, grazie a fondi regionali, per permettere anche alle persone meno fortunate di avere una vita indipendente. Nel maggio 2012, a seguito dell’apertura del nuovo bando regionale, sono stati inseriti un totale di 8 utenti. Il Comune ha integrato il contributo regionale con il 25% del costo sostenuto, ovvero 17.620 euro. Ovviamente il comune ha pensato anche a stanziare fondi per l’abbattimento delle barriere architettoniche in ambito privato erogando fondi a quanti ne hanno fatto specifica richiesta. Inoltre è stato predisposto un servizio di trasporto dedicato alle persone disabili per permettere loro di poter usufruire di quanto messo a loro disposizione.

L’amministrazione comunale ha cercato anche, per quanto possibile, di stare vicino alle famiglie sia per quanto riguarda l’affidamento e inserimento dei minori con le attività dei consultori e sia con il potenziamento dei centri per le risposte alcologiche e del sert per complessivi 33 mila euro. Altri 117 mila sono stati investiti per i minori provenienti da famiglie “difficili”. Sono stati riorganizzati i servizi doposcuola, assistenza domiciliare, borse lavoro, progetti individualizzati destinati ai minori provenienti da famiglie multiproblematiche. In questo settore il Comune spende 117.000 euro l’anno.

Altro “mondo” di cui si è occupata l’amministrazione attraverso l’assessorato delle Politiche sociali è quello degli anziani. A partire dall’organizzazione delle attività ricreative e dei soggiorni estivi studiati appositamente per loro. Senza però dimenticare i momenti di malattia. Il Comune, infatti, cerca di stare loro vicino con centri diurni specifici per i malati di Alzahimer o con assistenze domiciliari mirate. Importo più alto è spettato al centro Primavera vero e proprio punto di riferimento per gli anziani della città.

Altro ambito è quello delle politiche per la casa e del disagio economico. Nel 2012 è stato pubblicato il bando generale, scaduto nel 2013. Sono stati erogati contributi per spese di locazione (legge 431/98). Erogati contributi per 57.000 euro all’anno per combattere il disagio economico. E’ stato attivato un progetto di intervento per promuovere nuove formule di partenariato finalizzate a definire forme di sviluppo innovative fra pubblico e privato sociale a sostegno dell’inclusione sociale e per contrastare la povertà.

Nessuna città poi si può dire al passo con i tempi se non prevede una politica per favorire l’immigrazione. Questo si è cercato di fare con il progetto “mondi vicini, mondi lontani”. Nella convinzione che oggi più che mai serve un’educazione interculturale, per mettere in relazione fra loro culture differenti e per valorizzare la diversità come ricchezza, l’assessorato alle politiche sociali e in collaborazione con quello alle politiche dell’integrazione ed inclusione sociale di San Benedetto del Tronto, ed in collaborazione con il Cineforum “Buster Keaton” e la Consulta comunale per l’immigrazione, ha proposto anche quest’anno la rassegna cinematografica “Mondi Lontani Mondi Vicini”.
L’iniziativa, giunta alla dodicesima edizione, ha lo scopo di contribuire a far sì che tra individui unici nelle loro radici etnico – culturali si rafforzino capacità di convivenza costruttiva in un tessuto culturale e sociale sempre più multiforme. Questo comporta non solo l’accettazione e il rispetto del diverso, ma anche il riconoscimento della sua identità culturale nella quotidiana ricerca di dialogo, di comprensione e di collaborazione, in una prospettiva di reciproco arricchimento.

L’assessorato affidato a Margherita Sorge prevede anche la delega al turismo. È stato approvato il piano particolareggiato per gli alberghi. È stata riconfermata anche negli anni 2011, 2012 e 2013 la titolarità della Bandiera Blu per la qualità delle spiagge e degli approdi e porti turistici e della Bandiera Verde “Eco – school” per le iniziative di educazione ambientale svolte in collaborazione con gli istituti scolastici comprensivi cittadini. Al riconoscimento del turismo di qualità è stata dedicata una giornata di festa che dal 2013 la Regione Marche ha trasformato in evento regionale dal nome “Marche in Blu”. Con l’occasione è stato coniato il marchio Sea Blu Tour (SBT) per caratterizzare i servizi della città. Si è cercato poi di favorire il turismo estero grazie alla firma di protocolli d’intesa nell’ambito della task force Italo-Russa. La ricerca di risorse per fronteggiare la crisi e la carenza di fondi pubblici ha portato, nel 2012, ad istituire la tassa di soggiorno, il cui ricavato è utilizzato per le spese necessarie a sostenere il turismo nei suoi vari aspetti. Applicata dal 15 giugno al 31 agosto con esenzioni e riduzioni, nel 2012 ha prodotto un’entrata di circa 400.000 euro.

Non va dimenticata, infine, la delega alla Cultura. Durante l’anno è stato potenziato il museo del Mare grazie all’apertura dell’Antiquarium Truentinum e della sala multimediale Immersea per una spesa complessiva di 270 mila euro. È stata inaugurata la Sala della Poesia a palazzo Piacentini. E la Biblioteca Lesca ha aumentato il tempo di fruizione per gli utenti.
Nel consiglio comunale del 18 dicembre 2013 sono state varate regole certe che disciplinano meglio l’uso, molto cresciuto negli ultimi anni, dell’auditorium “G. Tebaldini”, della Palazzina Azzurra e delle nuove sale che nel frattempo sono state realizzate (Sala della Poesia a Palazzo Piacentini, le sale della Biblioteca e quella del Museo della Civiltà Marinara delle Marche) nonché il regolamento per disciplinare accesso e modalità di consultazione del materiale dell’archivio storico comunale. Sono stati confermati i contributi alle scuole per attività e forniture di materiali per complessivi €. 75.000 annui. Continuità anche nell’erogazione dei contributi per libri di testo a famiglie con reddito Isee fino a € 10.632,94 (oltre 350 domande presentate). Continua anche per questo anno scolastico la possibilità di essere esentati dal pagamento della mensa scolastica per famiglie residenti con reddito Isee fino a € 7.000,00 (oltre 210 le domande presentate).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *