In preghiera alla Madonna di S. Giovanni a Ripatransone Patrona della Diocesi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

RIPATRANSONE – Come da tradizione il giorno della Madonna di Loreto 10 dicembre, il vescovo Gervasio ha celebrato una S. Messa a Ripatransone, nel duomo, dove si trova anche il santuario della Madonna di san Giovanni.
Hanno partecipato alla celebrazione in particolare i sacerdoti e i laici provenienti dalla vicaria di S. Giacomo, che hanno portato le anfore con l’olio per la lampada che sarà accesa tutto l’anno nel santuario alla Madonna.

La rappresentazione della Vergine con la Santa Casa fu realizzata nel XVII secolo da Sebastiano Sebastiani per venerare e ricordare il passaggio della Santa Casa verso Loreto, così come indica la tradizione. Raccogliendo questa devozione popolare la confraternita di S. Giovanni commissionò questa opera che viene perciò detta la Madonna di S. Giovanni. Fu poi il vescovo Mons. Chiaretti a indicarla come patrona della giovane diocesi di S. Benedetto- Ripatransone-Montalto. Così tradizionalmente ogni anno ogni vicaria porta in dono l’olio. Ad animare la celebrazione era presente anche al Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali, con l’occasione di salutare e ringraziare il vescovo Gervasio per il suo ministero pastorale. Presente anche l’autorità civile con Roberto Pasquali, assessore alle tradizioni.

Il vescovo Gervasio ha sollecitato nella sua omelia ad essere persone credenti che amano il Signore, che servono con gioia e generosità sul’esempio di Maria. Questa giovane della zona periferica dell’impero che viene salutata dall’angelo con le parole “rallegrati”, sii felice. Dio manda messaggeri a dire di essere felici, perché il Signore è con noi, si è belli dentro e si trasmette in un volto bello, in pace con gli altri perché in pace con Dio. Il Vescovo ha anche sottolineato come nell’emozione Maia non perde la testa, Dio infatti vuole persone responsabili che hanno la bellezza dello Spirito e una fede pensata, non per capire tutto, ma pensata a cui rispondere con libertà e gioia. Don GianLuca Rosati nel ringraziare i numerosi confratelli che hanno celebrato la festa della Madonna di Loreto lì a Ripa, ha evidenziato la ricchezza di avere il santuario della Madonna di S. Giovanni come luogo dove pregare e sempre aperto a quanti vogliono sostare in preghiera.

Al termine della celebrazione la Consulta delle Aggregazioni Laicali della diocesi, ha salutato il vescovo e gli ha donato un tappeto per la cappellina della casa dove come vescovo emerito Gervasio andrà a stare. La Consulta riunisce i rappresentati di tutte le realtà ecclesiali laicali della diocesi, in questi anni è cresciuta molto come impegno e si è riunita con assiduità cosi da permettere una maggior conoscenza reciproca fra gruppi, movimenti, associazioni e una presenza sempre più significativa in diocesi della comunione tra le diverse realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *