Concorso di idee “Lavoro e Pastorale”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Scade il 31 dicembre 2013 il bando della progettazione sociale, promosso dal Movimento Lavoratori di AC a livello nazionale. C’è ancora tempo quindi per presentare un progetto. Anche in questa nuova edizione del concorso, la Progettazione Sociale si conferma strumento per valorizzare il legame tra giovani e territorio, creando occasioni ed alleanze che partono dal basso, confermando la forte sinergia con l’Ufficio di Pastorale Sociale e lo stesso Progetto Policoro, ma apre alla collaborazione con Caritas Italiana e quindi con tutte le Caritas diocesane.

La Progettazione Sociale promuove da otto anni questo concorso di idee “Lavoro e Pastorale” con l’obiettivo di dare un aiuto concreto ai giovani e adulti che vogliono valorizzare le proprie competenze affinché si sentano protagonisti nel proprio territorio. L’obiettivo è anche di promuovere la stessa idea di progettazione sociale come capacità di progettare e lavorare progettando, capacità di intercettare i bisogni e le attese delle persone nei loro contesti, favorire il discernimento comunitario come metodo d’analisi della realtà e diventare strumento di cambiamento, favorire lo sviluppo della rete e del lavoro insieme. In questi anni sono stati presentati 109 progetti da tutta Italia, 29 finanziati, molti altri sono andati avanti con le loro gambe e proseguono nel tempo.

Possono presentare progetti gruppi formali e informali che ne condividano le finalità, realizzando il progetto in un’ottica di reciproca e costante collaborazione con l’Azione Cattolica diocesana e, dove presente, con il Movimento Lavoratori. L’edizione 2014 prevede tre ambiti di intervento: il sostegno e l’orientamento a persone che vivono situazioni di disagio economico-sociale a causa della difficoltà di accesso al mondo del lavoro o della perdita del lavoro stesso; la realizzazione di reti tra comunità civile e comunità ecclesiale; e lo sviluppo di sinergie tra mondo del lavoro e mondo della formazione per reagire alla crisi insieme. Gli obiettivi principali sono infatti creare “reti” tra l’associazionismo ecclesiale e i soggetti pubblici e imprenditoriali; accompagnare e formare le persone di ogni generazione per renderle consapevoli delle loro risorse; lo sviluppo di una sensibilità al lavoro come valore aggiunto nella crescita umana. A disposizione dei progetti vincitori c’è un contributo di 3.000 € per realizzare il progetto. L’evento formativo e di premiazione è in programma il 25-26 gennaio 2014 a Roma.

Per le informazioni e il bando completo clicca qui

Immagine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *