Valore Lavoro, evento conclusivo il 9 dicembre ad Ancona

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
Si terrà, alla Loggia dei Marcanti di Ancona, l’evento conclusivo della 7a edizione di Valore Lavoro, il premio promosso dall’assessorato regionale al Lavoro, Istruzione, Formazione e dedicato alla buona imprenditoria marchigiana. La cerimonia avverrà nel pomeriggio di lunedì 9 dicembre, con inizio alle ore 16.30, alla presenza dell’assessore al Lavoro, Marco Luchetti. Nell’occasione il Consolato regionale delle Marche della Federazione dei Maestri del lavoro d’Italia assegnerà altri cinque premi speciali dedicati alla sicurezza sul lavoro. La manifestazione verrà condotta da Paolo Notari, giornalista e conduttore televisivo di Rai Uno. “Il premio rappresenta una vetrina che consente di presentare e proporre le migliori esperienze imprenditoriali marchigiane – afferma l’assessore Luchetti – È la dimostrazione che le buone pratiche, anche nel settore produttivo, possono essere ricercate nel territorio regionale, senza bisogno di guardare altrove. Siamo giunti alla settima edizione, a testimonianza dell’attenzione e dell’attesa che il riconoscimento sa suscitare, proponendo esperienze magari non note al largo pubblico, perché riferite a medio piccole aziende, ma di grande valore simbolico per l’innovazione progettuale od organizzativa che possono vantare”. Il Premio Valore Lavoro è un’iniziativa dal contenuto innovativo, organizzata dalla Regione con l’obiettivo di promuovere e incentivare la conoscenza del Fondo sociale europeo tra gli imprenditori marchigiani. È stata pensata anche con la volontà di riconoscere il valore sociale e il ruolo propulsivo delle buone pratiche nell’imprenditoria regionale. Da un lato, la manifestazione intende diffondere, negli imprenditori, la consapevolezza del ruolo, delle azioni e delle opportunità specifiche offerte dal Fondo sociale europeo alle imprese; dall’altro vuole far conoscere al grande pubblico quei casi di eccellenza, quelle imprese che abbiano saputo coniugare innovazione e qualità del lavoro. Si vogliono, in tal modo, fornire modelli replicabili cui ispirarsi nella creazione d’impresa. Questa modalità è diventata, nel corso del tempo, uno strumento per comunicare esperienza e sapere, un esempio da seguire, ma anche una testimonianza del ruolo sociale che l’imprenditoria marchigiana può svolgere nella costruzione del benessere della Regione. La manifestazione è cresciuta nel solco della tradizione della condivisione e divulgazione delle “Buone prassi”, molto sentita dall’Unione europea, ribadendo la sua origine comunitaria e la sua forte valenza comunicativa. Il Premio “Valore Lavoro” è così intitolato poiché viene riconosciuta all’azienda la principale funzione di creare Valore in termini di innovazione, competitività, qualità, ma anche e soprattutto di creare Valore nel Lavoro, nella capacità di coniugare sviluppo e integrazione sociale. Il Premio è rivolto a tutti gli imprenditori, le cui imprese abbiano sede nel territorio regionale, che si siano distinti per una (o più) delle motivazioni indicate. In una prima fase, vengono raccolte le iscrizioni al Premio attraverso un bando; contemporaneamente si provvede a costituire la Giuria, formata da rappresentanti delle organizzazioni imprenditoriali, sindacali e del sistema camerale, da assessori regionali e provinciali, da giornalisti, da docenti universitari, da esperti nella gestione delle Risorse Umane. Dopo una prima fase di valutazione delle segnalazioni ricevute, per verificare i requisiti richiesti, viene inviato ai giurati un dossier delle aziende candidate, al fine di effettuare la votazione. Dal computo delle votazioni dei Giurati risulteranno le dieci migliori “Buone Pratiche aziendali”, cioè quelle che avranno raggiunto il maggior numero di consensi, che vengono premiate nel corso dell’evento conclusivo. Gli eventi conclusivi della precedenti edizioni si sono svolti: ad Ascoli Piceno, presso il Palazzo dei Capitani (2007); a Fermo, presso il Palazzo dei Priori (2008); a Macerata, presso la Sala Convegni di Banca delle Marche (2009); ad Ancona, presso il Ridotto delle Muse (2010);  a Recanati, presso l’Aula Magna del Palazzo Comunale (2011); ad Ancona, presso il Salone Loggia di Mercanti (2012).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *