La giornata delle Marche si terrà a San benedetto del Tronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

programma giornata delle Marche

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Il 10 dicembre di ogni anno viene celebrata la Giornata delle Marche, istituita con Legge regionale 26/2005, allo scopo di “riflettere e sottolineare la storia, la cultura, le tradizioni e le testimonianze della comunità marchigiana, per rafforzarne la conoscenza e il senso di appartenenza”.
Quest’anno la giornata si terrà a San Benedetto del Tronto.

Ogni edizione della Giornata delle Marche propone un tema e una città della regione per ospitare le celebrazioni.
Particolare attenzione è stata riservata alle comunità marchigiane nel mondo riunite in associazioni in tutti i continenti.
La prima edizione, nel 2005, ha avuto per  tema Le Marche nel mondo ed ha coinvolto le associazioni dei marchigiani residenti in Argentina, la più numerosa delle nostre comunità all’estero. Le  città di riferimento: Ancona e Jesi. Nel  il 2006 il tema è stato Le Marche e l’Europa, l’emigrazione e il lavoro e la comunità prescelta è stata quella residente in Belgio. La scelta è stata motivata dal fatto che nel 2006 ricorreva il 50mo anniversario della tragedia di Marcinelle, miniera in cui morirono tragicamente centinaia di minatori e tra questi dodici marchigiani. Ricorreva, inoltre, il 60mo anniversario degli Accordi tra Belgio e Italia per lo sfruttamento del carbone. La città di riferimento: Pesaro. Nel 2007 il tema è stato Giovani: cittadini delle Marche, cittadini del mondo e la comunità estera di riferimento è stata quella canadese, in particolare di Montréal. Edizione caratterizzata dall’organizzazione di eventi di attività di promozione, in Canada, con importanti ritorni in termini di valorizzazione del territorio e delle attività manifatturiere marchigiane. La città di riferimento: Ascoli Piceno. Per il 2008 il tema è statoAnziani ancora protagonisti e la comunità scelta è stata quella d’Australia. La città di riferimento: Fermo. L’edizione 2009 si è svolta a Macerata e ha trattato il tema del Viaggio come diffusione di culture e conoscenze prendendo spunto dalla figura e dalle opere di Padre Matteo Ricci, missionario gesuita maceratese, figura straordinaria che svolse la sua opera in Cina. Per il 2010, il tema è stato il IV centenario della morte di  Padre Matteo Ricci ed il III centenario della nascita di Giovanni Battista Pergolesi. Il 2010 è anche l’anno che testimonia i quarant’anni di vita della Regione Marche. La festa è stata celebrata al Teatro delle Muse di Ancona. Nel 2011 con la Giornata delle Marche è stato invece celebrato il150° anniversario dell’Unità d’Italia nella città di Recanati. La Giornata delle Marche 2012 dal titolo Impegno per vincere nella vita ha sviluppato il tema dello sport come valore fondante ed ha inteso celebrare gli eccellenti risultati conseguiti dalle Marche a livello sportivo in tutti questi anni, con particolare riferimento alla partecipazione degli atleti marchigiani alle olimpiadi 2012. Sede prescelta per le celebrazioni è stata Fano e il suo Teatro delle Fortuna.

Verranno da tutto il mondo, in occasione della Giornata delle Marche, per portare la loro esperienza e contribuire a pianificare gli interventi previsti nel Programma 2014-2015 a favore degli emigrati marchigiani.
A Recanati, presso la Sala conferenze di Villa Colloredo Mels, tornerà a riunirsi il Consiglio dei marchigiani all’estero, con un denso programma di lavoro che si svilupperà nell’arco di tre giornate e che prevede l’inaugurazione del Museo dell’emigrazione marchigiana nel mondo.
Domenica 8 dicembre, si insedierà il Consiglio alla presenza dell’assessore all’Emigrazione, Luigi Viventi. Emilio Berionni (presidente del Consiglio dei marchigiani all’estero) illustrerà le linee della nuova programmazione regionale e verrà stilato un bilancio sullo stato di attuazione del Piano annuale 2013. Le discussioni proseguiranno nella mattinata di lunedì 9 dicembre, quando il programma prevede anche una tavola rotonda sulle esperienze regionali di promozione del territorio attraverso le associazioni degli emigrati all’estero.
Nel pomeriggio si terrà un incontro sulla storia dell’emigrazione marchigiana, con l’intervento conclusivo del presidente della Regione, Gian Mario Spacca e l’inaugurazione del Museo (allestito a Villa Colloredo Mels). La giornata terminerà al Teatro Persiani di Recanati, con la rappresentazione teatrale “Gran tour de Italy” dedicata all’architetto Francesco Tamburini e al calciatore Renato Cesarini.
Martedì 10 dicembre il Consiglio si concluderà con l’esposizione dei pareri sul Programma 2014-2015 e sul Piano annuale 2014.
Successivamente i componenti raggiungeranno San Benedetto del Tronto per partecipare alla Celebrazione della Giornata delle Marche.
“Il programma 2014-2015 intende sviluppare un percorso che contribuisca a rendere le politiche regionali dell’emigrazione più moderne e aderenti alla realtà e maggiormente rispondenti alle sfide che giungono dall’attuale sistema sociale – anticipa l’assessore Viventi – In questo senso puntiamo a collegare gli interventi a favore dei marchigiani nel mondo con le politiche regionali di promozione territoriale, creando un indotto economico presso i mercati esteri. La presenza all’estero di comunità, composte da cittadini marchigiani e migrati e loro discendenti, è una preziosa opportunità per poter avere facilitazioni  nelle relazioni imprenditoriali e commerciali che s’intendono instaurare. Le comunità marchigiane residenti all’estero, infatti, oltre che un mercato di riferimento già fidelizzato e in grado di apprezzare immediatamente i prodotti identificabili come tipici della tradizione, della cultura regionale, dell’enogastronomia e della industria creativa, possono diventare preziosi alleati per sviluppare una maggiore conoscenza del territorio regionale e del suo sistema produttivo”.

Ai marchigiani nel mondo, rivolge un pensiero anche il sindaco di San Benedetto del Tronto, città che ospita la celebrazione della Giornata delle Marche: “Guardano alla loro terra d’origine con un amore sconfinato – dice Giovanni Gaspari – Nel ricordare con piacere di averli avuti nostri ospiti nel corso del raduno svoltosi alla fine degli anni ’90 a San Benedetto, a loro guardiamo con affetto e rispetto; dalle loro vite e da quelle dei loro padri vorremmo assorbire l’entusiasmo, la voglia di fare, di osare che dobbiamo, tutti insieme, fare nostri per impegnarci a una nuova nascita della nostra bellissima terra”.

Attualmente le associazioni dei marchigiani all’estero, riconosciute nell’Albo regionale, contano circa 15.000 iscritti, di cui circa 1.600 giovani, presenti nelle seguenti quattro macro aree:
– America Latina, 45 associazioni e 2 federazioni;
– America del Nord con 4 associazioni (3 in Canada e 1 negli Stati Uniti);
– Australia con 3 associazioni e 1 Federazione che raggruppa 4 associazioni;
– Europa (Italia esclusa), con 12 associazioni e 2 federazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *