Inaugurazione del nuovo archivio storico di Cossignano

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

archivio storico_doc1

COSSIGNANO – Quindicesimo appuntamento con il progetto “Memorie di carta” è in programma sabato 23 novembre a Cossignano dove, nel Palazzo Comunale, si terrà (ore 15.30) la presentazione dei lavori di riordino del nuovo archivio storico. A illustrare contenuti e aspetti dell’iniziativa promossa dall’Assessorato alla Cultura della Provincia saranno il Presidente della Provincia Piero Celani, l’Assessore alla Cultura Andrea Maria Antonini alla presenza del primo cittadino Roberto De Angelis, della soprintendente delle Marche dott.sa Luisa Montevecchi e della funzionaria della Regione dott.ssa Serenella Canullo .

Nel corso dell’evento si succederanno quindi gli interventi dello storico Valter Laudadio che si soffermerà sul tema “Cossignano, un normale comune di Castello nella marca meridionale”, del coordinatore del progetto Andrea Martinelli e dell’archivista incaricata dall’Ente dott.ssa Jessica Forani.

“Si intensificano gli appuntamenti con Memorie di Carta – spiega l’Assessore Antonini – con la prossima tappa di Cossignano e quella successiva di Monsampolo, in calendario a dicembre, saranno 16 gli archivi del Piceno pienamente recuperati. Come già annunciato nello scorso incontro a Montalto Marche, nel 2014 saranno ben 10 le strutture comunali che torneranno fruibili e a disposizione di scolaresche, studiosi, appassionati e ricercatori. Un traguardo davvero di qualità che conferma la bontà dell’azione della Provincia in un ambito strategico come il recupero e la difesa della memoria storica di ogni comune piceno”.

“Siamo davvero orgogliosi di un progetto che rappresenta una eccellenza nel campo culturale, non solo nei confini regionali ma anche fuori – afferma il Presidente Piero Celani – in tale direzione possiamo dire che la Provincia di Ascoli sia stata la prima in tutto il panorama nazionale a credere in un’idea così importante e centrale nella vita, nei costumi e negli usi del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *