A Messa in maglietta rossa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TONTO – Entrando nella chiesa di San Benedetto Martire per la Messa, nella mattina di Domenica 17 Novembre, saltava subito all’occhio una presenza colorata sui banchi: le magliette rosse della festa del Patrono, indossate da giovani e adulti che hanno fatto parte dello staff e hanno desiderato concludere l’esperienza di quest’anno proprio con la celebrazione eucaristica, oltre al tradizionale momento conviviale in cui ritrovarsi ancora tutti insieme.

Perchè la condivisione dell’eucaristia è un modo particolare di essere vicini, nella preghiera e nel servizio, un momento in cui scopriamo che non è solo ciò che facciamo ad unirci. Infatti non è solo l’amicizia che ci porta a vivere insieme la Messa, ma anche l’amore del Signore che ci vuole presenti.

Anche in questa occasione ognuno ha fatto la sua parte: essere uniti nel servizio è meglio che apparire compatti, non una sola macchia rossa, ma una comunità: c’è chi era lontano dai banchi dello staff per cantare nel coro, o per svolgere il servizio di ministrante, per l’occasione affidato, invece che ai chierichetti, agli adulti della parrocchia. Una celebrazione fortemente voluta e sentita, che fa seguito a quella vissuta il 13 Ottobre quando, per le necessità dei tempi di servizio alla festa, si è sentito il bisogno di una messa per lo Staff e nella quale i presenti hanno riscoperto la bellezza di celebrare insieme il Sacramento.

La Messa si è conclusa nella commozione del parroco Don Romualdo, che si è detto felice di come il Santo Patrono sia stato onorato con affetto ed entusiasmo da tutti, anziani, giovani e adulti insieme.
Anche chi non prendeva da tempo parte alla celebrazione e ha colto l’occasione per avvicinarsi di nuovo all’altare – anche qui sta infatti la bellezza del condividere la Messa – non ha potuto non notare che qualcosa di grande era accaduto se all’uscita ha potuto dire: “Questa è stata proprio una bella Messa!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *