Maltempo, violento nubifragio a Martinsicuro: allagamenti e disagi sulla costa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MARTINSICURO – Un violento nubifragio si è abbattuto questa mattina sulla costa teramana provocando allagamenti e disagi alla circolazione stradale. A Martinsicuro le violente piogge hanno causato numerosi disagi al traffico, costringendo gli automobilisti a deviare il proprio percorso, specie in prossimità di via Roma, dove il sottopasso ferroviario si è nuovamente allagato, nonostante i lavori effettuati lo scorso anno per mantenere impermeabile il manto stradale.

Tempestivo l’intervento della Polizia Municipale che ha interdetto il transito stradale e chiuso l’area incidentata, transennando la via d’accesso al sottopasso. Precedentemente, una Fiat Panda è rimasta bloccata all’interno del sottopasso a causa dell’elevato quantitativi d’acqua, che ha trasformato il sottopasso in una sorta di piscina naturale. Sul luogo sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno recuperato prontamente la vettura. Sempre su via Roma a causa delle forti raffiche di vento l’insegna della Banca Picena Truentina è crollata su di una Fiat 500 parcheggiata. Situazione critica anche sulla costa: la violenza della mareggiata è tale per cui l’acqua si è riversata sulle strade adiacenti il lungomare. Palme sradicate e rami spezzati ovunque. Allagato anche il molo Nord: violenti cavalloni si riversano vigorosamente sulla banchina deserta.

Nonostante un primo allagamento, il nuovo sottopasso di via Colombo è tornato nuovamente agibile. In questo momento si procede ad estrarre l’acqua dal sottopasso di via Roma. Agibili invece i sottopassi di via Dei Castani e via Delle Messi. Allagato anche il sottopasso di via Bolzano, dove la protezione civile si sta operando per far defluire l’acqua piovana.

Situazione simile a Villa Rosa. Insegne sradicate e strade inagibili. Stessa sorte per il lungomare Italia che risulta impraticabile: rami spezzati e rifiuti marini riversati su strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *