Progetto europeo Comenius Regio “DidaMediaEurope”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

lucchetti

REGIONE MARCHE – Si svolgerà a Senigallia, nell’autunno del 2014, la prima edizione del Movies for European Education and Training (MEET) Festival, rassegna europea degli audiovisivi prodotti dalle scuole o da altri enti formativi e quelli realizzati sul mondo dell’istruzione e della formazione da film-maker indipendenti.

Il festival si propone come opportunità di incontro e confronto per tutte le produzioni audiovisive che si realizzano nei settori dell’istruzione e della formazione nei paesi dell’Unione. Un modo per sviluppare negli studenti di ogni età competenze trasversali legate alla creatività, allo spirito di iniziativa e ai linguaggi comunicativi della realtà dei nostri giorni.

Il MEET Festival è stato presentato oggi (ieri per chi legge) in occasione del lancio pubblico del progetto europeo “DidaMediaEurope. Citizenship and Didactics with Media in the European Context”, coordinato dall’Ufficio scolastico regionale per le Marche, di cui il festival è parte integrante.

“DidaMediaEurope” è un “Comenius Regio”, partenariato europeo che promuove opportunità di cooperazione transnazionale tra due autorità educative locali o regionali di due diversi paesi europei partecipanti al programma LLP (Lifelong Learning Programme). In questo caso, il partner europeo del progetto marchigiano è il distretto di Alba Iulia, in Romania.

Obiettivo dell’iniziativa, di cui per l’Italia è partner la Regione Marche e altri tredici soggetti del territorio, è quello di rivitalizzare il percorso di costruzione dell’Europa e radicare la coscienza europeista dei giovani, in un momento storico in cui, a causa della crisi, nelle nostre regioni, come anche in buona parte dell’Europa, si vive un progressivo allontanamento dagli ideali europei, con spinte nazionaliste e regionaliste che rischiano di portare al collasso il faticoso processo unitario.

Un obiettivo che si intende raggiungere mediante la riflessione sulle tematiche espresse dall’Unione Europea attraverso la strategia ET 2020 e l’istituzione degli “Anni Europei” (a partire dal 2013, dedicato ai cittadini europei) anche al fine di promuoverne la conoscenza nel vasto mondo della scuola e dell’educazione in genere.

Il progetto prevede infatti percorsi formativi in cui docenti, ragazzi e bambini si cimenteranno nella realizzazione di cartoni animati, spot, documentari che troveranno poi nel MEET Film Festival del prossimo anno uno spazio in cui confrontarsi con quelli prodotti da altre scuole e film-maker italiani e di altri paesi europei.

“Vorrei sottolineare in particolare – ha dichiarato il vicedirettore generale dell’USR Marche, Annamaria Nardiello nel corso della conferenza stampa di presentazione – il carattere fortemente inclusivo dell’iniziativa, che riserverà, in ogni sua fase, grande attenzione alla necessità di dare pari opportunità di partecipazione e di espressione a tutti i giovani, con particolare riguardo alle persone con bisogni educativi speciali, e un particolare apprezzamento per le opere filmiche realizzate con tecnologie povere, allo scopo di contribuire a offrire buoni esempi di abbattimento del divario digitale. Il progetto inoltre interpreta quello che è, in questo campo, il nostro compito istituzionale essenziale, accompagnare cioè le nostre scuole nella fase iniziale del processo di internazionalizzazione per consentire loro di continuare a crescere”.

“Una scuola aperta all’internazionalizzazione e all’integrazione – ha ribadito nel suo intervento alla conferenza l’assessore regionale all’Istruzione, Marco Luchetti – costituisce un fattore essenziale e irrinunciabile. Perché i giovani dovranno raccogliere l’eredità di un mondo che si confronta sì con la globalizzazione ma anche con la competitività sfrenata che troppo spesso diventa sinonimo di scontro e non di incontro. Ben vengano quindi progetti in partenariato come Comenius con le regioni europee che, anche alla luce della realizzazione degli obiettivi della macroregione adriatico ionica, assumono un significato concreto di creazione delle infrastrutture culturali a fondamento di un’area europea che dovrà percepirsi comunità . In tal senso il festival di cinema, come strumento privilegiato dell’espressività dei giovani, che si terrà a Senigallia nel settembre 2014 diventerà un momento qualificante per le Marche e un’occasione di concreta integrazione europea. C’è sempre più bisogno di comunicazione ma di comunicare

soprattutto la verità e la realtà. Sono convinto che affidando ai nostri giovani, marchigiani e rumeni insieme , il compito di favorire il dialogo e la comprensione tra cittadini europei , di lavorare insieme in spirito di collaborazione, loro sapranno raccontarle bene nei tanti valori e nelle aspirazioni che li accomunano.”

Il lancio del progetto è stato programmato in concomitanza della prima visita della delegazione rappresentativa de consorzio dei cinque partner romeni, nelle Marche dal 5 al 9 novembre, ricevuta al suo arrivo dal sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi.

Il periodo per lo svolgimento del MEET Film Festival è stato invece scelto nell’arco del semestre italiano di presidenza dell’Unione Europea per assegnargli un ulteriore significato e una particolare visibilità anche in vista del processo di costituzione della macro regione adriatico ionica, percorso che necessariamente deve riguardare e coinvolgere anche le giovani generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *