Cosa è sacro e cosa è profano per molte persone di oggi?

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Don Marcos

Di Don Marcos

Un amico mi ha chiesto cosa pensassi del luogo dove è posizionata la Chiesa Madonna della Speranza.
Questa domanda mi ha portato a riflettere sul binomio sacro e profano, perché sembrerebbe che in questo mondo di oggi il sacro è diventato profano ed il profano è diventato sacro.
La situazione geografica delle Chiesa mi portava a pensare che l’isolamento della Parrocchia facilita le persone ad entrare in una sfera del Sacro, perché si fa un processo conscio ed inconscio di distaccarsi dal mondo o dalla realtà profana.
Quindi mentre in alcune Chiese vi è prima una rampa di scale che ci fa salire verso Dio, qui invece scendiamo in un luogo dove siamo noi e Dio.
La vera finalità è la medesima perché si racchiude in un segno, in quanto l’uomo è un essere simbolico e questo è un simbolo.
Invece possiamo dire che il profano è diventato Sacro, in quanto vi sono diverse manifestazioni di ciò nella società.
Il primo esempio che vi posso fare è quello nel mondo del calcio, che ha i propri riti, i propri tempi, le proprie vesti.
Oppure potremmo citare quegli artisti che vengono glorificati o a cui si rende un culto, come ad esempio appendendo il poster in camera o cercando di vestirsi o atteggiarsi come l’artista.
Possiamo fare quindi tre affermazioni:
La prima: Anche la persona che si dice atea ha bisogno del sacro e lo ricerca in altre forme senza accorgersene.
La seconda: Possiamo affermare che il sacro e profano sono parte della nostra realtà e quindi non possiamo sfuggirvi.
La terza: Non dobbiamo cercare il sacro dove non c’è perché questo è il pericolo di oggi.
Il vero sacro “compromette” la vita ad un cambiamento ad una conversione, perché dopo l’incontro con Dio non si può rimanere uguali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *