La giunta regionale incontra il direttivo Anci

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Anci Marche

REGIONE MARCHE – Si è svolta a Palazzo Raffaello la riunione congiunta tra la giunta della Regione Marche presieduta dal presidente Gian Mario Spacca e il direttivo dell’Anci Marche (Associazione nazionale Comuni) Maurizio Mangialardi.
L’incontro inaugura una nuova stagione nei rapporti tra i due enti, improntata su una collaborazione sistematica a cadenza periodica sia nel contingente che nella programmazione di  lungo periodo.

“In uno scenario drammatico per quanto riguarda il trasferimento delle risorse statali agli enti locali – ha spiegato Spacca – possiamo dare risposte al territorio solo in maniera sinergica e in una logica di sistema. Con l’Anci Marche abbiamo condiviso questa necessità: non più rivendicazione dei singoli, ma stretta collaborazione per costruire insieme progetti di governance che diano soluzioni concrete ai problemi della comunità. A dimostrazione del tipo di relazione che vogliamo istituire oggi la giunta ha approvato, per il terzo anno consecutivo e il patto di stabilità verticale 2013 che cede agli enti locali 30 milioni di capacità di spesa della Regione che si aggiungono ai 37 stanziati in precedenza”.

In piena sintonia il presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi: “L’incontro di questa mattina – ha commentato – è stato molto importante. In una fase così complicata la sinergia tra gli enti è la migliore soluzione per programmare azioni di tutela nei confronti dei diritti dei cittadini. In particolare abbiamo accolto con grande soddisfazione l’approvazione del Patto di Stabilità che continua a dare ossigeno a molti Comuni che senza questo provvedimento si sarebbero trovati in enormi difficoltà”.

Molteplici i temi trattati nel corso dell’incontro.

In particolare:

PATTO DI STABILITA’ VERTICALE – A fronte della grave crisi che investe il territorio e i bilanci delle amministrazioni pubbliche, si interviene per dare operatività ai Comuni e alle Province in modo che nuova liquidità possa essere immessa nel sistema produttivo regionale. Ai 37,5 milioni già liberati a luglio la Regione ne aggiunge altri 30 per permettere agli Enti locali di pagare i fornitori e gli investimenti.

TPL– E’ stato ripristinato grazie all’impegno della Regione il fondo per i trasporti su gomma falcidiato dai tagli nazionali garantendo in questo modo la prosecuzione dei servizi. Il Programma Triennale Regione dei Servizi prevede inoltre il rimborso dell’Iva per il 100% ai Comuni e per il 50% alle Province. In precedenza tale rimborso non era previsto. Per il rinnovo del parco autobus adibito al Tpl, la regione ha invece intercettato risorse pari a 3,3 milioni di euro provenienti da un progetto attivato dal Ministero dell’Ambiente. Il problema della grave iniquità nella ripartizione del fondo nazionale dei trasporti è al centro di una forte azione regionale di pressione sul Governo, sulla Commissione Trasporti e sulla Conferenza delle Regioni, in quanto tale fondo penalizza le Marche in modo inaccettabile.

SANITA’- Per quanto riguarda la sanità le parti hanno convenuto sulla necessità della riforma per un riassetto e una riorganizzazione generale dei servizi che tuteli innanzitutto le esigenze dei cittadini mantenendo e migliorando gli standard di qualità già raggiunti.

SERVIZI SOCIALI – Relativamente all’allineamento delle tariffe delle rsa all’annualità 2013 si sta precedendo attraverso un tavolo congiunto tra Regione – Asur – Enti gestori, ad una analitica verifica per tutte le strutture (nr.108) per individuare quelle che hanno effettivamente erogato i previsti 100’ di assistenza per l’anno 2013, valutando le eventuali richieste di riconoscimento economico.

COMITATO D’INTESA  Verrà  riattivato il Comitato d’Intesa Regione, Anci, Api, Uncem, Lega Autonomie, un organismo fondamentale per concertare le politiche programmatiche marchigiane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *